Ned Beatty è morto a 83 anni/ L’attore di Quinto Potere è deceduto per cause naturali

- Stella Dibenedetto

L’attore Ned Beatty, cancidato all’Oscar con il film “Quinto potere” è deceduto a 83 anni per cause naturali: l’annuncio della figlia e della manager.

ned beatty min 640x300
Fonte Instagram

L’attore Ned Beatty, candidato all’Oscar con il film “quinto Potere” è deceduto a 83 anni per cause naturali. Ad annunciare la scomparsa dell’attore è stata la figlia Blossom Beatty che annunciato la morte del padre a “The Hollywood Reporter“. La morte dell’attore è stata confermata anche dalla manager Deborah Miller la quale ha spiegato che, accanto all’attore, durante gli ultimi istanti di vita, c’erano parenti e amici.Ned Beatty, oltre ad aver avuto una grandissima carriera, ha vissuto anche una vita sentimentale intensa. E’ stato sposato quattro volte e ha avuto otto figli. Dopo il primo matrimonio con Walta Abbott con cui ha avuto quattro figli, l’attore ha sposato l’attrice Belinda Beatty (1971-1979) con cui ha avuto altri due figli, e con Dorothy Tinker Lindsey (1979-1998), madre di altri due figli. Nel 1999 l’ultimo matrimonio con Sandra Johnson.

Ned Beatty e una straordinaria carriera

Oltre al film con il quale aveva ottenuto una candidatura all’Oscar, Ned Beatty ga recitato in oltre 150 film. Tra i titoli più famosi si ricordano: “Un tranquillo weekend di paura”, “Nashville”, “Tutti gli uomini del presidente”, “Superman”, The Big easy, “La guerra di Charlie Wilson” e “Shooter”. L’attore ha anche recitato in importanti serie tv. E’ stato, infatti, il protagonista di serie di successo come “Homicide” e “Pappa e ciccia”, dove interpretava il padre di John Goodman. Al cinema ha sempre preferito il ruolo di non protagonista e a spiegarne il motivo, in un’intervista rilasciata al New York Times, nel 1977, come ricorda il Tgcom24, fu lui stesso: “Le star non vogliono mai lanciare al pubblico una palla curva, ma la mia grande gioia è lanciare palle curve. Ma piace sorprendere il pubblico, rappresentare l’imprevisto”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA