Nerina Peroni/ Dalla casa di riposo al pianoforte della finale di Tu si que vales

- Alessandro Nidi

Nerina Peroni in finale a Tu si que vales: l’amore per il pianoforte riscoperto nel terzo tempo della vita è una lezione esistenziale per tutti noi

Nerina Peroni 640x300
Nerina Peroni

CHI È NERINA PERONI FINALISTA TU SI QUE VALES?

La storia di Nerina Peroni, finalista a Tu si que vales, è una di quelle che meritano di essere raccontate, descritte, lette e condivise, perché odorano di vita vera, di una quotidianità dai riflessi appannati e che, improvvisamente, tornano a risultare nitidi alla vista, per uno scherzo del destino, abituato a giocare con le nostre vite, tanto in positivo, quanto, purtroppo, in negativo. Con Nerina la sorte è stata clemente e le ha concesso una seconda opportunità per tornare a fare ciò che ha sempre amato alla follia: suonare il pianoforte, strumento che l’ha accompagnata per molti anni e di cui è stata anche insegnante. Poi, a causa di un malore accusato in seguito a un’esibizione, quando con il piano girava i palchi e gli anfiteatri non soltanto d’Italia, bensì anche d’Europa, scelse di dire basta a quei ritmi, ai concerti. Non solo: cambiò casa e, per motivi di spazio, scelse di rinunciare al pianoforte per fare posto ai mobili e agli armadi. Mentalità pragmatica, ma, come dice Antonello Venditti, “certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”: così è stato per Nerina. E per la “sua” musica.

NERINA PERONI: LA SUA VITA IN CASA DI RIPOSO

Sono trascorsi ormai un po’ di anni dal suo addio al pianoforte. Oggi, Nerina Peroni è una brillante 81enne e vive presso la casa di riposo “Chianoc” di Savigliano, città situata in Piemonte, più precisamente in provincia di Cuneo. “Qui ho ritrovato la vita – ha dichiarato la donna a ‘La Stampa’ -. Non è vero che in questi posti si viene per morire. Mi sento a casa, ho tanti amici con cui parlare e il personale ci segue con affetto. Ma è importante soprattutto l’atmosfera che si respira: c’è vita ed è un luogo che può essere molto bello”. Un luogo, peraltro, in cui ha incontrato Clemy Chiarlo, caposala, che conosceva Nerina già prima del suo ingresso in struttura e, ovviamente, il suo talento con i tasti del piano. Grazie a lei, la donna è tornata a suonare tutti i giorni, mantenendosi in esercizio ed essendo invitata in estate per un’esibizione pubblica presso l’anfiteatro dell’“Anima Festival” di Cervere, appuntamento musicale estivo molto conosciuto nel Cuneese e caratterizzato dalla presenza ogni anno di grandi cantanti (da Francesco Gabbani a Clementino e così via).

NERINA PERONI E IL SUCCESSO IN TV

Poi, la pazza idea: l’iscrizione a “Tu si que vales”, la trasmissione di Canale 5 che vede come giurati Maria De Filippi, Teo Mammuccari, Gerry Scotti e Rudy Zerbi. Si presenta regolarmente in puntata, racconta la sua storia, si siede al pianoforte e le sue mani sembrano letteralmente volare su quei tasti. Le note sono quelle della “Marcia turca” di Mozart e Nerina Peroni non ne sbaglia neanche una. Il pubblico è in delirio e la giuria anche, inclusa Sabrina Ferilli, che rappresenta il “sentiment” popolare. Gli spettatori, dopo la meritata standing ovation concessa alla concorrente, le tributano un meritato “100% sì”, che, unito ai quattro pareri positivi di Maria De Filippi e dei suoi colleghi regalano la possibilità all’anziana di volare direttamente in finale, cosa che puntualmente accade, grazie alla contemporanea decisione dei giudici di alzarsi dalle loro poltrone e raggiungendola al centro del palco. “Mi sento quasi in imbarazzo, sto togliendo la possibilità ad altri giovani più in gamba di me”, ha affermato in diretta tv. No, Nerina: tu stai regalando a tutti un sogno meraviglioso e stai ricordando al mondo intero quanto la vita possa essere stupenda.

CLICCA QUI PER IL VIDEO DELL’ESIBIZIONE COMPLETA

© RIPRODUZIONE RISERVATA