Nerina Peroni è morta/ Pianista di Tu si que vales che suonava in casa di riposo

- Alessandro Nidi

Nerina Peroni, l’81enne pianista e finalista di Tu si que vales, è morta nella notte tra giovedì 22 e venerdì 23 luglio in casa di riposo

Nerina Peroni 640x300
Nerina Peroni

Nerina Peroni è morta nella notte: la triste notizia è pervenuta in data odierna, venerdì 23 luglio 2021, da parte della residenza Chianoc di Savigliano (Cuneo), la casa di riposo presso la quale la pianista di Tu si que vales viveva e dove aveva riscoperto la sua passione per le sette note. Un amore insito nel Dna della donna e capace di condurla sino alla finalissima dell’ultima edizione del programma di Canale 5, dove aveva davvero ben figurato e conquistato il pubblico. Così, mentre la data e il luogo dei funerali restano ancora da stabilire, la sua infermiera di riferimento ha voluto salutarla così, sui social network: “A te, grande donna, che ci hai insegnato che la vita è una lunga lezione di umiltà. Fiera di essere stata la tua infermiera. Ci manchi immensamente, ora sarai per sempre il nostro angelo, Nerina Peroni”.

L’ospite della struttura avrebbe dovuto esibirsi in un concerto domani a Limone Piemonte, località che domenica accoglierà la cantante Noemi per un concerto che ha già fatto registrare il sold out, ma purtroppo il destino glielo ha impedito. Nerina ha amato il pianoforte, strumento che l’ha accompagnata per molti anni e di cui è stata anche insegnante. Poi, a causa di un malore accusato in seguito a un’esibizione, quando con il piano girava i palchi e gli anfiteatri non soltanto d’Italia, bensì anche d’Europa, scelse di dire basta a quei ritmi, ai concerti. Non solo: cambiò casa e, per motivi di spazio, scelse di rinunciare al pianoforte per fare posto ai mobili e agli armadi.

NERINA PERONI: IL RITORNO DI FIAMMA CON IL PIANOFORTE IN CASA DI RIPOSO

Nel terzo tempo della vita, però, Nerina Peroni ha riscoperto quella mai sopita passione per il pianoforte, grazie alla caposala della casa di riposo, che conosceva il suo talento con i tasti bianco e neri e l’ha esortata a suonare quotidianamente. Poi, la scorsa estate, la svolta, con l’esibizione all’età di 81 anni all'”Anima Festival” di Cervere, appuntamento musicale estivo rinomato nel Cuneese e caratterizzato dalla presenza ogni anno di artisti di caratura internazionale.

Fino a maturare la “pazza idea” dell’iscrizione a Tu si que vales, presentandosi al cospetto dei giurati Maria De Filippi, Teo Mammuccari, Gerry Scotti e Rudy Zerbi. Durante la prima esibizione, le sue mani sembrano letteralmente volare: le note sono quelle della “Marcia turca” di Mozart e Nerina Peroni non ne sbaglia neanche una. Il pubblico è in delirio e la giuria anche: gli spettatori, dopo la standing ovation, le tributano un meritato “100% sì”, che, unito ai quattro pareri positivi di Maria De Filippi e dei suoi colleghi, ha regalato la possibilità all’anziana di volare direttamente in finale. “Mi sento quasi in imbarazzo, sto togliendo la possibilità ad altri giovani più in gamba di me”, ha affermato in quella circostanza la donna. Che, invece, non si era resa conto che era umilmente salita in cattedra per dare una lectio magistralis di speranza e caparbietà a tutti quanti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA