Neto al Barcellona/ Calciomercato: l’ex Juventus in blaugrana per 26 milioni di euro

- Matteo Fantozzi

Neto al Barcellona, calciomercato: acquistato per 26 milioni di euro più bonus dal Valencia, sull’ex portiere di Juventus e Fiorentina ci sarà una clausola rescissoria da 200 milioni.

neto 2019 lapresse
Neto al Barcellona (La Presse)

Il Barcellona ha sorpreso tutti acquistando Neto, mettendo a segno un colpo che nessuno si sarebbe aspettato. L’estremo difensore brasiliano passa dunque in blaugrana dal Valencia per una cifra molto importante, 26 milioni di euro più bonus. L’ex portiere della Juventus ha firmato un contratto fino al 2023 con una clausola rescissoria pazzesca da 200 milioni di euro. Percorso inverso dovrebbe fare l’olandese Cillesen, stanco di fare il secondo a Ter Stegen e pronto a vivere una nuova esperienza stavolta da protagonista. Neto è pronto dunque per giocarsi le sue carte anche se è chiaro che riuscire a togliere una maglia da titolare al tedesco ex Borussia Moenchengladbach risulta essere una missione proibitiva. Resta il dubbio di capire perché il Barca abbia deciso di affidarsi a un portiere che nella sua carriera non ha mai dato troppe garanzie.

Neto al Barcellona, un passato in Italia

Neto al Barcellona è un colpo di calciomercato che stupisce anche gli italiani. Il portiere infatti era stato a lungo protagonista anche nella nostra Serie A, alternando alcune cose buone a dei veri e propri disastri. Era stata la Fiorentina a portarlo in Italia nel gennaio del 2011, acquistato per 3 milioni di euro dall’Atletico Paranaense. Arrivato per fare da riserva a Emiliano Viviano l’aveva sostituito con risultati decisamente deludenti anche se aveva fatto notare delle potenzialità da considerarsi comunque interessanti. Motivo per cui la Juventus nell’estate del 2015 lo aveva acquistato a parametro zero per farne il vice di Gianluigi Buffon. Due anni a Torino, alternati da molti errori e qualche rara parata da grande portiere. Nell’estate del 2017 arriva la cessione al Valencia con l’arrivo a Torino di Szczesny.



© RIPRODUZIONE RISERVATA