Nina Moric “Luigi Favoloso mi ha preso a calci”/ Foto choc su Instagram ma lui nega!

- Hedda Hopper

Nina Moric mostra sui social le presunte prove delle violenze e delle minacce subito da Luigi Mario Favoloso ma lui nega, in parte

nina moric lividi instagram

La lite e le accuse reciproche di Nina Moric e Luigi Mario Favoloso si sono spostate dalla tv ai social e proprio dopo la comparsata dell’ex gieffino a Live Non è la d’Urso, la bella modella ex di Fabrizio Corona non ha potuto far altro che rispondere a tono alle sue parole attraverso i social mostrando la foto choc che la ritrae con i lividi su un fianco come prova di aver subito violenza dal suo compagno: “Luigi Mario Favoloso mi ha preso a calci e pugni, la denuncia contiene prove schiaccianti”. Subito dopo, sempre nelle sue storie, Nina Moric ha poi mostrato anche una serie di messaggi ricevuti dall’ex gieffino, gli stessi in cui lui ammette “ho rischiato di ucciderti e forse potrei ancora riprovarci”.

NINA MORIC MOSTRA I LIVIDI MA LUIGI FAVOLOSO NEGA (IN PARTE)

Il racconto e le prove della modella si moltiplicano tra messaggi ricevuti, minacce e richieste di perdono citando addirittura le Sacre scritture e concludendo poi con la sua voglia di sparire per un po’ addirittura ricorrendo alla chirurgia estetica per non farsi riconoscere ma alla fine ha deciso di non farlo alla luce della freddezza della Moric. Mentre la modella continuava a mostrare le prove, Luigi Mario Favoloso ha preso la parola su Instagram per negare, in parte, quanto detto dalla sua compagna: “I messaggi mostrati da Nina non sono falsi come state ipotizzando, sono i miei solo che alcuni sono rivolti ad altre persone e ad altri sono state tagliate parti che ne spiegavano il senso totalmente opposto a quello che si vuole far credere“. Alcuni hanno ipotizzato che a fare i lividi alla Moric fosse addirittura stata la madre per far ricadere la colpa su Favoloso ma lei stessa poi pubblica una storia per sottolineare di come sua madre sia troppo anziana per fare queste cose. Dove sta la verità?



© RIPRODUZIONE RISERVATA