VON DER LEYEN A COMMISSIONE UE/ Nomine Ue, Lagarde a Bce: due donne guidano l’Europa

- Niccolò Magnani

Nomine Ue, fumata bianca al Consiglio Ue: Ursula Von Der Leyen alla Commissione Ue, Michel al Consiglio, Weber all’Europarlamento e Lagarde alla Bce

vonderleyen ministro difesa germania lapresse 2019 640x300
Ursula von der Leyen (Lapresse)

Fumata bianca per le nomine Ue della nuova legislatura pronta a partire, finalmente, dopo i tanti contrasti in seno alle varie famiglie europee: secondo quanto twittato dal Presidente uscente del Consiglio Ue, il pacchetto di nomi presentato da Angela Merkel (con le ultime limature post colloqui con Conte e Paesi di Visegrad) viene ufficializzato. Due donne saranno alla guida delle più alte cariche presenti nell’Unione Europea: Ursula Von der Leyen sarà la nuova Presidente della Commissione Europea dopo i 5 anni di Juncker mentre Christine Lagarde (oggi al Fmi) sarà la “nuova” Mario Draghi alla guida della Banca Centrale Europea (Bce). A compimento del pacchetto di nomine Ue, il belga di Alde Charles Michel alla presidenza del Consiglio europeo mentre il socialista spagnolo Josep Borrell sarò l’Alto rappresentante della Politica Estera (al posto di Federica Mogherini). Secondo l’Ansa, è in corso al momento un nuovo colloqui tra Bruxelles e Strasburgo per scogliere anche l’ultimo nodo in merito al Parlamento Europeo: al posto di Antonio Tajani sono in lizza al momento il socialista bulgaro Sergei Stanishev, il dem David Sassoli o anche il leader del Ppe Manfred Weber. I nomo sono fatti ma non è detto che poi i voti arriveranno visto quando stiamo assistendo nelle reazioni dei vari partiti Europei in subbuglio per i tanti ruoli che avrebbero gli sconfitti socialisti: liberali, Verdi e anche sovranisti sono sul piede di guerra dopo l’accordo siglato da Sanchez, Macron e Merkel. Primo commento dall’Italia è quello di Matteo Salvini – che ha proposto Mara Bizzotto come candidata alla Presidenza dell’Europarlamento – «A prescindere dai nomi, l’importante è che in Europa cambino le regole, a partire da immigrazione, taglio delle tasse e crescita economica. E su questa battaglia l’Italia sarà finalmente protagonista».

GLI ULTIMI “PACCHETTI” RIMASTI SUL TAVOLO

Dopo oltre 6 ore di bilaterali è cominciato il vertice vero e proprio al Consiglio Ue di Bruxelles per mettere in atto il possibile accordo raggiunto in extremis con il pacchetto di nomine Ue approntato dalla Merkel con l’appoggio di Visegrad e probabilmente anche dell’Italia. La riunione plenaria ha avuto inizio e il nome di Frans Timmermans al momento sarebbe del tutto “congelato” a vantaggio della Ministro della Difesa tedesco, Ursula Von der Leyen, il nome “nuovo” per la Commissione Europea e possibile “sblocco” dello stallo visto in questi ultimi giorni. È una donna, è del Ppe, va bene all’asse Parigi-Berlino ma anche al blocco del socialismo reale nell’Europa dell’Est. Il pacchetto con maggiori possibilità, come già rivelavano in precedenza, prevede oltre alla titolare della Difesa del Governo Merkel, il premier belga uscente Charles Michel per il Consiglio; Manfred Weber per la seconda parte del mandato della presidenza del Parlamento europeo; Christine Lagarde per la Bce. Secondo l’Ansa però vi sarebbe un secondo pacchetto possibile laddove fallissero le votazioni sulla prima parte della riunione: «Frans Timmermans per la Commissione europea; il premier croato Andrej Plenkovic al Consiglio; Manfred Weber alla presidenza del Parlamento; e Christine Lagarde alla Bce». Tutto però porta alla conclusione che salvo ripensamenti dell’ultim’ora, sarà una donna a guidare la Commissione Ue e un’altra donna alla guida della Bce: Conte di colpo è diventato l’ago della bilancia e dipenderà da lui e da pochi altri Paese il buon corso o meno dell’accordo faticosamente raggiunto nelle bilaterali di questa mattina. Secondo fonti del Messaggero, dopo il bilaterale Conte-Merkel ci sarebbe stato il via libera a Von de Leyen tra le prossime nomine Ue.

UNA DONNA ALLA GUIDA DELLA COMMISSIONE UE

Mentre l’Italia pare abbia incassato il parere favorevole al piano di riforme per evitare la procedura d’infrazione Ue, le trattative sulle nomine Ue non sembrano ricevere il medesimo “shock” per potersi dire progredite: nelle ultime ore viene avanzata l’ipotesi, confermata anche dallo stesso Premier Conte, che alla presidenza della Commissione Ue possa sedersi dopo Juncker una donna. La carta italiana (e di Visegrad) sarebbe Kristalina Georgieva, bulgara, economista di area Ppe e già orientata verso minore centralità a Germania e Francia negli asset di potere della prossima Unione Europea: ovviamente a Merkel e Macron il nome non piace del tutto e per questo avrebbero presentato una nuova candidatura, sempre nel Ppe e sempre donna, Ursula Von der Leyen attuale ministro della Difesa della Germania. Visegrad sarebbe d’accordo, ma il pacchetto prevederebbe – spiega La Stampa – anche Christine Lagarde alla Bce, rinsaldando sempre di più l’asse franco-tedesco anche nelle nuove nomine delle istituzioni Ue. Secondo l’inviato dalle stanze europee di Sky Tg24, Roberto Tallei, l’ultimo pacchetto di nomi che circolano sono per l’appunto Von Der Leyen alla Commissione, Michel al Consiglio Ue, Stanisev al Parlamento, Borrel al posto di Mogherini e Lagarde alla Bce. Nel frattempo tramonta definitivamente la possibilità di vedere Frank Timmermans alla guida della Commissione Ue: non solo, poco fa la notizia rimbalzata da Bruxelles lo vedrebbe dimissionario dal seggio al Parlamento Ue.

CONSIGLIO EUROPEO, VERTICE AD OLTRANZA

Nuovo giorno, nuovo vertice del Consiglio Europeo per dirimere le nomine Ue che da giorni stanno bloccando l’Unione a poche ore ormai dell’esordio del nuovo Parlamento Ue che in teoria già domani dovrebbe riunirsi per votare i nomi dei prossimi vertici europei a partire dal successore di Juncker alla guida della Commissione Europea. Il vertice andato in scena ad oltranza tra domenica e ieri è sostanzialmente fallito, con l’accordo precostituito (in Giappone durante il G20) sul pacchetto di nomine messo a punto da Angela Merkel e Emmanuel Macron ricacciato indietro non solo dall’Italia ma anche dal blocco Visegrad e dal Regno Unito (in tutto 11 Paesi contrari all’asse Francia-Germania). Frans Timmermans alla Commissione e Manfred Weber al Parlamento per cinque anni, il premier belga Charles Michel al Consiglio europeo e il francese Francois Villeroy de Galhau alla Bce: questo prevedeva l’accordo creato al G20 ma durante il Consiglio Ue di ieri non solo gli 11 Paesi ma in primis il Ppe si è spaccato attorno alla sua esponente forse più potente, di colpo lasciata sola per avere “tradito” il suo stesso candidato Weber in favore del socialista olandese che pure aveva straperso le Elezioni Europee.

NOMINE UE, L’APPELLO DI CONTE A MERKEL E MACRON

Macron ha parlato di «fallimento che non rende onore allo spirito dell’Unione» ma è evidente come ad esser stato messo in crisi è quell’asse Parigi-Berlino che da tempo di fatto costituisce l’asse portante dell’intera Unione Europea. I sovranisti e non solo si sono ribellati e il voto contrario dell’Italia ha fatto il resto: «Niente contro Timmermans, ma l’Italia non può accettare un pacchetto precostituito nato altrove», aveva detto ieri il Premier Conte che invoca per il nuovo Consiglio Ue di questa mattina un pacchetto con criterio più condiviso e non costituito da un altra parte e imposto agli Stati Membri. «Dobbiamo individuare personalità che sappiano rinnovare il sogno europeo, che abbiano una chiara visione e sappiano esprimerla con coraggio, evitando di rifugiarsi nella angusta logica dell’austerity o di affidarsi al primato della finanza. Vogliamo personalità che mettano al centro la crescita, i cittadini, le persone», lancia l’appello stamane il Premier italiano, concludendo «come ho fatto fino ad oggi, e ancora di più nelle ultime ore, darò il mio convinto contributo affinché tra le famiglie europee non primeggi né, soprattutto, si imponga un asse su un altro, ma si trovi il giusto equilibrio sulla base di criteri di scelta delle persone ben bilanciati». Per superare il veto del Ppe le alternative sono state fatte: Michel Barnier e Margrethe Vestager però non convincono per il fatto che a proporli è ancora una volta Macron e così ieri si è arrivati ad un nulla di fatto. Prossime ore decisive e possibili nomi “nuovi” potrebbero anche uscire dai colloqui fitti in corso nella giornata a Bruxelles.

© RIPRODUZIONE RISERVATA