Non avere il POS è illegale?/ La soluzione per evitare multe in modo lecito

- Danilo Aurilio

Non avere il POS è illegale? Ecco la soluzione per i commercianti che vorrebbero trovare un’alternativa pur non infrangendo la Legge

Pos
Pos per pagamenti bancomat e carte (LaPresse, 2019)

Non avere il POS è illegale? Questa è la domanda che un po’ di commercianti si stanno ponendo da un po’ di tempo a questa parte. Le transazioni online, soprattutto tramite carte di debito e di credito sono all’ordine del giorno. basti pensare che ci sono clienti che pagherebbero anche il caffè con carta.

Da quando il Governo ha comunicato l’introduzione dell’obbligo del POS per le attività commerciali, molti esercenti stanno trovando o quanto meno cercando, delle soluzioni per evitare multe e soprattutto, risparmiare sui costi delle transazioni (almeno per quelle con bassi importi).

Non avere il POS è illegale? Ecco la soluzione per evitare la multa

Non avere il POS è davvero illegale? Non proprio. Nonostante l’obbligo sia presente dall’anno 2012, fino ad ora non c’è mai stata una legge che imponesse una sanzione qualora il commerciante si rifiutasse di far pagare con carta.

Oggi invece, non solo la sanzione per ogni transazione negata prevede un importo fisso pari a 30€, ma verrà applicato il 4% di penale sul totale negato.

L’unica soluzione per evitare la multa in questione, è concordare con il cliente (anticipatamente all’acquisto) il mezzo di pagamento. Se il consumatore finale non vuol o non ha possibilità di pagare in contanti, allora purché venga specificato con anticipo, potrà farlo per mezzo di bonifico bancario o assegno.

In questo modo il commerciante consentirebbe e non rifiuterebbe al cliente, il pagamento tramite mezzo tracciato, e il consumatore sarà lieto di concludere la sua transazione online.

Ricordiamo che nonostante ciò, bisognerà rispettare l’attuale soglia massima pari a 1.999,99 euro, per i cosiddetti “effetti delle operazioni artificiosamente frazionate e in generale della disciplina antiriciclaggio“.

Dal 2023 in poi, questo limite varierà e si ridurrà ad un prezzo pari a 999,99 euro.





© RIPRODUZIONE RISERVATA