NUCLEARE/ Quegli affari della Francia con Saddam Hussein boicottati da Israele

- Roberto Favazzo

La Francia di Giscard d’Estaing e Chirac avviò una stratta collaborazione militare con l’Iraq. Fortemente avversata da Israele (2)

saddam hussein in 1980 640x300
Saddam Hussein

La sollecitudine nucleare della Quinta Repubblica francese sarà ben lungi dall’essere circoscritta a Israele. La Francia ama l’Iraq. E soprattutto, a Jacques Chirac piaceva Saddam Hussein. Il quinto presidente della Quinta Repubblica ha il raro privilegio di essere l’unico politico occidentale ad aver trascorso un intero weekend con l’uomo forte di Baghdad, in Provenza, nel 1975. Dall’anno precedente Chirac è primo ministro di Valéry Giscard d’Estaing. Saddam Hussein era al potere dal 17 luglio 1968, a seguito di un colpo di Stato. È un uomo tosto, a cui non piace viaggiare all’estero, soprattutto lontano: questo viaggio in Francia rimarrà l’unico che farà in Europa. La motivazione per lasciare il suo Paese deve quindi essere potente, un rischio che i dittatori raramente corrono. Se ha fatto il viaggio, è stato per ritrovare l’amico Chirac, con il quale si è trovato molto d’accordo durante la visita di tre giorni che quest’ultimo – il primo capo del governo francese a intraprendere un viaggio del genere – aveva effettuato a Baghdad nel settembre 1974.

Tuttavia, la vera ragione di questo viaggio ufficiale è che anche Saddam Hussein vuole, come Israele, acquistare una centrale nucleare dalla Francia. Appena arrivato a Parigi, conosce Giscard d’Estaing e anche lui spinge ardentemente per le vendite. Poi, al termine del weekend provenzale, c’è la visita al Cadarache, il centro di ricerca del Cea, in compagnia del primo ministro francese, il 6 settembre 1975. Il 18 novembre successivo viene firmato un accordo franco–iracheno. Saddam ha scelto un reattore a gas di grafite, quello che ha permesso alla Francia di produrre il suo plutonio, e quindi di fabbricare la sua bomba. Tuttavia, eventi imponderabili impediranno la realizzazione di questo progetto e l’Iraq ricadrà su un più modesto reattore di tipo Osiride. Un clone di quello operante a Saclay, che produce solo 70 megawatt, contro i 1.500 del primo modello previsto.

Nonostante ciò il contratto è finanziariamente vantaggioso per la squadra francese. Lo condivideranno i soliti partner industriali del Cea: tra gli altri Saint–Gobain, Bouygues e Framatome. L’impianto sarà composto da due reattori, uno “grande”, chiamato dai francesi Osirak (e Tamuz 1 dagli iracheni), e uno “piccolo” destinato alle simulazioni, che il Cea chiamerà Isis (e gli iracheni Tamuz 2). Tutto sarebbe andato per il meglio nel migliore dei mondi nucleari, se un intruso non fosse venuto a interferire in questa operazione: Israele.

Il 6 aprile 1979, con la consegna del carico prevista tre giorni dopo, un commando di sette agenti segreti del Mossad guidati da Yitzhak Hofi, alias Hakka, distrugge la nave d’acciaio del reattore di Osirak, all’interno delle costruzioni stabilimento “Constructions Industriels de la Méditerranée” (Cnim), a La Seyne, nel Var. Parigi effettuerà le riparazioni. I legami nucleari tra Parigi e Baghdad non s interrompono per così poco e Israele colpirà ancora quattordici mesi dopo, questa volta massacrando nella notte tra il 13 e il 14 giugno 1980, nel suo hotel di Parigi, un membro della commissione atomica irachena, l’egiziano Yahya Al-Meshad, considerato il più grande scienziato atomico arabo. Allo stesso tempo, gli ingegneri Cea coinvolti in questo progetto ricevono lettere di minaccia. E, meno di un anno dopo, avverrà l’”atto finale”, l’operazione contro Osirak: il 7 giugno 1981 i cacciabombardieri Tsahal effettuano un audace raid alla periferia di Baghdad con il quale viene distrutto irrimediabilmente Tamuz 1.

Rimane aperta un questione ancora oggi: la centrale francese avrebbe permesso a Saddam Hussein di fabbricare la prima bomba nucleare araba? Nel 1990, mentre si preparava la Guerra del Golfo, André Giraud, già ministro della Difesa (1986–1988) e grande “nucleocrate”, non dimenticò di essere stato amministratore generale della Cea durante la prima visita di Jacques Chirac a Baghdad. Tuttavia, nel settembre 1990, non solo scriveva che sarebbe stato saggio “cercare di capire” la posizione dell’Iraq – che aveva appena invaso il Kuwait –, ma aggiungeva: “Nego formalmente che la cooperazione instaurata nel 1974 abbia contribuito alla capacità nucleare dell’Iraq”.

Su questo punto le opinioni divergono, e non solo tra gli israeliani. Infatti, l’impianto che le autorità francesi avevano venduto all’Iraq poteva produrre plutonio, portandolo così alla produzione del materiale necessario per la fabbricazione di una bomba. La giornalista Jacqueline Denis-Lempereur ricorda inoltre che è stato solo in seguito alle intense pressioni di Stati Uniti e Israele che Parigi ha rinunciato a fornire i sei carichi di uranio arricchito al 93% (80 chilogrammi in totale) previsti dal contratto, per consegnarne infine solo due. La decisione viene presa da Giscard d’Estaing in persona, su insistenza di Francis Perrin. Se l’impianto è in grado di produrre plutonio, ciò che il Cea negherà sempre con forza, è che il tipo di uranio fornito lo consente: questo punto, che probabilmente non cesserà mai di suscitare polemiche, è stato sottolineato in un rapporto che tre fisici hanno sottoposto a François Mitterrand nel 1981.

La fine degli anni 70 fu segnata dalla firma di un numero considerevole di contratti di armi tra i produttori francesi e l’Iraq, avviati durante la visita di Saddam a Parigi nel 1974. Contratti favolosi, dai nomi evocativi (“Vulcain”) o banali (“Jacinthe”, “Tulipe”), che avrebbero inaugurato un’era di prosperità per tutti i produttori di armi francesi: dozzine di missili terra–aria Roland, quasi novecento missili antinave Exocet (gli argentini ne avevano ordinati non più di sessanta per la Guerra delle Falkland), più di centotrenta Mirage F1, novanta elicotteri, mille veicoli blindati di diverso tipo, 20mila missili anticarro… Dal 1980 al 1986 sono entrati così nelle casse francesi circa 17 miliardi di dollari. La terribile guerra Iran-Iraq – oltre un milione di vittime da entrambe le parti – sarà un ottimo affare per la Francia. L’Iraq ha poi ricevuto un terzo delle esportazioni di armi francesi.

Quando l’Iraq dichiarò guerra all’Iran il 23 ottobre 1980, le sue offensive ebbero un successo iniziale. Ma le Guardie Rivoluzionarie iraniane – l’esercito ideologico del regime – stavano portando avanti brillanti contrattacchi, senza risparmiare la vita ai soldati. Nel giugno 1982, l’Arabia Saudita chiedeva alla Francia di rafforzare il suo sostegno all’Iraq. Rovesciato dagli iraniani, l’esercito iracheno aveva perso un intero corpo d’armata a Khorramshahr. Alla fine dell’estate, però, gli iraniani avrebbero perso la battaglia di Mandali, grazie alle armi consegnate in base al contratto Vulcain firmato nell’ottobre 1981, in particolare il cannone di artiglieria ad alta cadenza di fuoco – otto colpi al minuto – 155 AUF1 GCT. I consiglieri militari francesi di Saddam Hussein, presenti sul terreno, insegnano agli artiglieri iracheni come sparare direttamente contro gli attaccanti. Risultato: 10mila morti da parte iraniana. Un anno dopo, i socialisti francesi vorranno fare di meglio: cercare di aiutare l’Iraq a distruggere le capacità di esportazione di petrolio dell’Iran.

L’11 ottobre 1982, dalla sua stanza all’Hotel Ishtar Sheraton di Baghdad, il direttore degli Affari internazionali della Delegazione generale per gli armamenti (Dga), René Audran – assassinato da Direct Action il 25 gennaio 1985 – chiamò Parigi spiegando che gli iracheni non potevano aspettare la consegna da parte di Dassault del Mirage F1 EQ–5 – in grado di lanciare il missile antinave AM39 Exocet – che avevano ordinato. L’Iraq infatti voleva i Super-Etendard immediatamente. Dal 27 ottobre, il venditore di Dassault, Hugues de L’Etoile, è a Baghdad. Negoziano velocemente. Non c’è tempo per fabbricare nuovi velivoli da Dassault, quindi la Francia si offre di prestarne cinque appartenenti alla propria marina, per 450 milioni di franchi e per tre anni. Saranno portati a destinazione da marinai francesi, muniti di passaporto falso dalla Dgse, che transiterà, tramite una portaerei nel Mediterraneo orientale e in Turchia, con questi velivoli verniciati di nero. Al termine del triennio, la Francia li recupererà. Nel 1989, quando la guerra contro l’Iran era finita da un anno, la Francia avrebbe firmato un altro contratto da 6 miliardi di dollari con l’Iraq, questa volta da Dassault per vendergli Mirage 2000 e Alphajet. Ma non sarà mai onorato. Sotto i governi socialisti, la Francia continua quindi a mostrare il suo sostegno a Saddam Hussein, sostegno che, ovviamente, non verrà negato con il ritorno di Jacques Chirac a Matignon, nel 1986.

(2 – fine) 

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA