Nuovo San Siro, stadio Inter-Milan/ Scaroni: “prezzi variabili”, sui naming rights…

- Carmine Massimo Balsamo

Nuovo San Siro, stadio Inter e Milan: la presentazione dei progetti per il nuovo impianto a Milano. Gazidis: “Guardiamo alle nuove generazioni”

nuovo san siro stadio milan inter nuovo stadio milano
Nuovo San Siro

Nuovo stadio Milano

, svelati i progetti in corsa per l’impianto che rimpiazzerà San Siro e diventerà la nuova casa di Inter e Milan. «Faremo una grande variabilità nei prezzi», le parole del presidente rossonero Paolo Scaroni, che ha poi evidenziato: «Ci attendiamo molto dai biglietti corporate, che saranno circa 10 mila e potranno garantirci entrate più elevate. Ci aspettiamo più pubblico, dato che la media degli ultimi dieci anni è di 47 mila spettatori a partita», sottolineando che il nuovo stadio «sarà finanziato con equità e project financing: il finanziamento non dovrebbe essere complicato, visto che i club hanno entrate certe». «San Siro è un’icona, ma guardiamo alle nuove generazioni. Dobbiamo portare avanti un percorso per il futuro, che rappresenti la nuova generazione dei tifosi dell’Inter e del Milan», le parole dell’ad del Diavolo Ivan Gazidis ai microfoni dell’Ansa, che ha poi affrontato il tema naming rights: «È ancora troppo presto, siamo in una fase iniziale in quello che riteniamo un progetto entusiasmante». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

NUOVO STADIO MILANO, LE PAROLE DI FERRI E BARESI

A chiudere la presentazione del nuovo San Siro, la casa di Inter e Milan, sono stati due calciatori simbolo delle squadre milanesi: da una parte Riccardo Ferri, dall’altra Franco Baresi. Avversari di tanti derby ma anche compagni di nazionale, hanno voluto lasciare il loro marchio sulla giornata di oggi: Ferri ha ammesso un po’ di invidia nel “pensare a chi potrà giocare in un impianto così bello”, e ha rimarcato l’importanza di un progetto che potrà anche dare un futuro importante alle due società, puntualizzando come saranno anche i tifosi ad approfittarne. Baresi, storico ex capitano del Milan, ha invece lasciato trasparire l’emozione: “E’ così pensando di dover lasciare il vecchio San Siro, casa mia per vent’anni”, ma anche lui ha poi detto come sia giusto pensare al futuro e alle nuove generazioni. “E’ bello che le due società si siano unite per regalare a Milano uno stadio nuovo e bellissimo” ha poi detto; anche i tifosi, chiaramente delusi per dover lasciare una leggenda come il vecchio San Siro, “capiranno presto che un impianto come questo sarà importante per il futuro”. (agg. di Claudio Franceschini)

PRESENTAZIONE NUOVO SAN SIRO: I PRIMI INTERVENTI

La presentazione del nuovo San Siro, che sarà la nuova casa di Inter e Milan, ha visto la presenza di Paolo Scaroni in qualità di presidente del Milan. Il quale ha spiegato che lo stadio sarà più basso, visto che i due progetti riguardano un’altezza di 30 metri contro i 68 dell’attuale Giuseppe Meazza, e ha poi parlato di una maggiore sostenibilità e un “minor impatto visivo e acustico”. L’idea è quella di avere un distretto funzionale che “possa essere vissuto 365 l’anno”; è intervenuto anche Alessandro Antonello, amministratore delegato dell’Inter, che soprattutto ha toccato il tema della necessità di costruire un nuovo impianto. Secondo lui, la ristrutturazione del San Siro esistente sarebbe impraticabile per quattro diversi aspetti: lo stadio sarebbe irriconoscibile, avrebbe una capienza inferiore ai 60mila posti, non si risolverebbe il problema della tribuna arancio e inoltre il cantiere necessario alla ristrutturazione inciderebbe non poco sull’attività di Inter e Milan, che dovrebbero spostarsi in altri impianti per giocare le loro partite. L’architetto David Manca ha invece detto che “abbiamo immaginato un nuovo quartiere, lo stadio sorgerà in un parco e il progetto si basa su due anelli che si intersecano”. Spalti ancora più verticali, così da avere seggiolini più vicini al campo; inoltre, “a seconda che a giocare sia l’Inter o il Milan, lo stadio cambierà colore”. (agg. di Claudio Franceschini)

COMINCIA LA PRESENTAZIONE

Tutto è pronto: al Politecnico Bovisa comincerà a minuti la presentazione dei due progetti finalisti per il nuovo San Siro, lo stadio di Inter e Milan che prenderà il posto dell’attuale Giuseppe Meazza. Naturalmente molte cose si sanno già: i due progetti sono dello studio di architettura americano Popolous e del consorzio italo-americano Manica-Cmr Sportium; sappiamo del calo di capienza che fa discutere (non solo per l’ambito strettamente calcistico, come potete leggere sotto); sappiamo pure che il Comune deve ancora prendere una posizione definitiva, anche perché in ballo c’è pure la cerimonia inaugurale delle Olimpiadi invernali di Milano Cortina 2026, che dovrebbe svolgersi proprio nello stadio di San Siro, vecchio e nuovo che sia. Inter e Milan comunque vanno avanti: le due società milanesi scontano già un ritardo di diversi anni, pur reso meno pesante dal fatto che il Meazza è uno degli stadi top a livello internazionale. Adesso però si vuole fare un salto nel futuro: che cosa ci attenderà? (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LA STORIA DEL MEAZZA

In attesa della presentazione del nuovo stadio San Siro, la casa di Inter e Milan, qualche dato sul Giuseppe Meazza: fu inaugurato nel 1926 e la prima partita giocata qui dalla nostra nazionale ci vide pareggiare senza reti contro la Cecoslovacchia, mentre fu un 2-1 contro l’Austria l’esordio in una competizione ufficiale (era la Coppa Internazionale). La curiosità è legata al fatto che, mentre il Milan andò subito a giocare in questo stadio, per l’arrivo dell’Inter a San Siro si dovette aspettare fino al 1947: nei 19 anni precedenti infatti i nerazzurri erano al Virgilio Fossati (già conosciuto come Campo Goldoni) per poi sostarsi fino all’Arena Civica, dove anche i rossoneri si erano spostati negli anni della Seconda Guerra Mondiale (San Siro era diventato difficilmente raggiungibile). Tuttavia, era stata proprio l’Inter a giocare un derby (vinto 6-3) il 19 settembre 1926 per inaugurare questo stadio. (agg. di Claudio Franceschini)

NUOVO SAN SIRO: IL PROGETTO

Il progetto del nuovo stadio San Siro, che verrà presentato quest’oggi, sta già facendo storcere il naso a qualcuno. Con il broncio vi è in particolare Claudio Trotta, uno dei principali promoter italiani musicali (nella sua scuderia troviamo fra i tanti il grandissimo Bruce Springsteen), che analizza la situazione dal punto di vista musicale. Il Meazza è infatti lo scenario di numerosi spettacoli calcistici, ma nel contempo è anche teatro dei più grandi concerti italiani, di conseguenza, la questione musica e live non può che non essere affrontata a dovere. Trotta punta il dito in particolare nei confronti della minore capienza del nuovo San Siro, che non dovrebbe superare i 60mila posti, circa 20mila in meno rispetto a quella attuale: “Se per il calcio il nuovo progetto parla di 60mila persone – le sue parole riportate da Repubblica – per i concerti si avranno presumibilmente vendibili circa 48-50mila biglietti. Tutto questo porterà inevitabilmente ad alimentare una tendenza già in atto, quella di aumentare i prezzi dei biglietti e di far diventare sempre di più i concerti eventi di lusso per pochi ricchi o per fanatici e oggetto di enormi sacrifici per le economie delle famiglie milanesi ed italiane”. Anche dal punto di vista logistico ci sono aspetti che vanno chiariti: “L’idea del prato, ipogeo, a 7 metri sotto il livello della strada, presuppone possibili enormi problematiche per le vie di uscita dal prato stesso”. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

NUOVO SAN SIRO, STADIO INTER E MILAN/ DIRETTA VIDEO STREAMING PRESENTAZIONE

Nuovo San Siro

: oggi, giovedì 26 settembre 2019, verranno presentati i concept design selezionati per il nuovo stadio di Milan e Inter. La svolta è ad un passo: addio allo storico Meazza, rossoneri e nerazzurri sono pronti a dare il via al nuovo progetto. Al lavoro da tempo per iniziare un percorso di riqualificazione urbana della circostante area di San Siro, i due club sembrano intenzionate a costruire il nuovo impianto nell’area adiacente a quella che oggi ospita lo stadio Meazza: «L’evento segna l’avvio di un dialogo aperto con la Città, in linea con la forte volontà dei club di coinvolgere le comunità locali e i propri tifosi in questo progetto», le parole di Milan e Inter in una nota condivisa. In gara due progetti, che verranno presentati al Politecnico di Milano-Bovisa: da una parte l’idea studiata dallo studio americano Populous, dall’altra l’idea dell’architetto David Manica e dello studio milanese di Progetto Cmr.

NUOVO SAN SIRO, STADIO MILAN E INTER: I DUE PROGETTI IN CORSA

Lo studio americano Populous ha stilato un progetto che prevede una struttura che ricorda un parallelepipedo di cristallo interrato, ricoperto di vetro: come evidenziato da Sky Sport, il concept design si rifa al Duomo di Milano e alla Galleria Vittorio Emanuele. Il progetto – il cui rendering è stato diffuso sui social network, video in fondo all’articolo – vuole dunque legare il nuovo San Siro alla storia della città di Milano, da sempre centrale per Milan e Inter. Uffici, centro commerciale, due torri e aree verdi: un piano che prevede anche le panchine in tribuna – come in Inghilterra – e spalti vicini al campo. Senza dimenticare che si tratta di uno “schizzo” che punta molto sulla sostenibilità dal punto di vista ambientale: previsti pannelli fotovoltaici ed emissioni zero. Il secondo progetto, invece, prevede una forma dell’impianto ovale: i due anelli che si intersecano rappresenterebbero la voglia di Diavolo e Biscione di portare avanti un’idea condivisa. Per il momento non si conoscono altri dettagli a tal proposito.

NUOVO SAN SIRO, DIRETTA VIDEO STREAMING DELLA PRESENTAZIONE

Sia il progetto dello studio Populous (che ha realizzato il nuovo stadio del Tottenham) che quello di Cmr con Sportium puntano molto sulla completa trasformazione del quartiere San Siro: i disegni presentati prevedono la nascita di nuovi uffici, ristoranti e centri commerciali. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, le volumetrie sarebbero superiori a quanto previsto dal Comune di Milano, che entro il prossimo 10 ottobre 2019 dovrà valutare se dichiarare il pubblico interesse del progetto. Come seguire la presentazione dei due piani per il nuovo San Siro, ovvero della nuova casa di Milan e Inter? Come spiegato dai due club in una nota condivisa, i sostenitori di Diavolo e Biscione potranno collegarsi all’evento tramite piattaforme social e TV dei Club, e in live streaming sul nuovo sito Web www.nuovostadiomilano.com che conterrà tutti i contenuti sull’intero progetto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA