FINANZA/ Banche, aeroporti, reti (e magistrati): cresce la nuova “questione settentrionale”

- Gianni Credit

La cronaca fa crescere il dibattito sulla “nuova questione settentrionale”: sul futuro di Milano e del Nord, sul loro ruolo nella transizione italiana. L’analisi di GIANNI CREDIT

milano_duomo_alpiR439
Infophoto

La cronaca fa crescere il dibattito sulla “nuova questione settentrionale”: sul futuro di Milano e del Nord, sul loro ruolo nella transizione italiana. Una questione che – non ce ne voglia Paolo Franchi – è solo superficialmente parente del neopopulismo anti-europeo e tanto meno pare figlia del “vecchio Bossi” (abbiamo già tentato qualche riflessione su queste pagine).

Dario Di Vico su Il Corriere della Sera tiene d’occhio la più piccola Popolare del Nordest che si ribella a Bankitalia non diversamente da quanto abbia fatto (finora con successo) la Popolare di Milano. Veneto Banca sarà pure cresciuta tumultuosamente quanto il suo “distretto dello scarpone” a Montebelluna, ma non ci sta a passare per “banca fallita” (come il Montepaschi). E se la Vigilanza vuole un aumento di capitale, i quattrini non sono un problema: non c’è bisogno di soldi pubblici, di Monti-bond. Ci sono quattrini verosimilmente italiani, di chi è già socio di Veneto Banca, magari di seconda o terza generazione. Certo, magari quattrini “sommersi” di ritorno da qualcuno dei tanti distretti creati negli ultimi trent’anni dalla de-localizzazione industriale.

Questione politico-economica scabrosa, ma resta ciò che il premier Matteo Renzi continua ad augurarsi, anche per generare un po’ di gettito extra. E la burocrazia di via Nazionale – nel 2014 – è davvero diversa da quella che lo stesso Renzi vuole “combattere con violenza”? Bankitalia è ancora insindacabile nel distribuire promozioni e bocciature sul terreno della “sana e prudente gestione” bancaria? La Vigilanza “di Roma” può cacciare “a prescindere” un direttore generale in provincia di Treviso, può “sventrare” una banca come la Veneto?

Alla Popolare di Milano ci ha provato – non essendo priva di qualche ragione – ma non c’è riuscita: soprattutto perché, negli ultimi due anni, ha sbagliato clamorosamente ricetta. E l’errore, a posteriori, è consistito in una drammatica non comprensione di una “questione bancaria” nei fatti molto settentrionale e alla fine troppo grande e complessa per essere gestita perfino dalle tecnocrazie di Francoforte o Bruxelles. Una “questione” capace di resistere finora alle pressioni di lungo periodo provenienti dalla City e da Wall Street, strutturalmente avversarie del bancocentrismo continentale.

Il Corriere rubrica alla voce “Il Nord inquieto” anche le mosse degli aeroporti padani: proprio quando il Comune di Milano scende (finalmente) in campo per difendere dalle carte bollate del Consiglio di Stato il nuovo volo Malpensa-New York di Emirates. Palazzo Marino – a 360 giorni dallo start dell’Expo – riconosce che l’investimento della compagnia di Dubai ha creato occupazione e migliorato la qualità del servizio per molti pendolari fra il settentrione italiano e gli Usa (è quanto abbiamo notato poco tempo fa su queste pagine). E Alitalia-Etihad e Fiumicino? Un dossier-Paese? Forse solo una “questione centro-meridionale”: una crisi occupazionale che interessa soprattutto la Magliana, alle porte di Roma. Per il Salone del Mobile (o nel 2015 per l’Expo) la “fast track” Sidney (Singapore, Hong Kong, New Dheli)-Dubai-Milano già esistente – perché c’è il volo su New York – è più importante dei voli da Abu Dhabi a Fiumicino che verranno se e chissà quando.

Giorgio Meletti su Il Fatto Quotidiano denuncia la “diserzione” dei gradi poteri finanziari del Nord, da tempo orfani della Mediobanca di Enrico Cuccia. L’osservazione è puntuale: basti pensare al limbo in cui è finita Telecom dopo il disimpegno della stessa Mediobanca, di Generali e di Intesa Sanpaolo. La prospettiva del Fatto resta tuttavia quella di una “nuova Tangentopoli”: non sembra del tutto fondata. Certo il malaffare – ai confini fra Stato e mercato o ben dentro la finanza privata – offre ancora molta cronaca, sempre alimentata dalle azioni giudiziarie. Ma a differenza di vent’anni fa – o anche solo di tre mesi fa – anche gli inquirenti sembrano clamorosamente “disertare” di pari passo con gli inquisiti reali o potenziali.

E la crisi esplosa ai vertici della Procura di Milano non è – in fondo – estranea a una stessa “questione settentrionale” (su queste pagine è stata segnalata in anticipo). Quali sono la struttura e la collocazione “più efficienti ed efficaci” di un sistema giudiziario all’interno di una post-democrazia di mercato? (Quando Silvio Berlusconi lamenta che “da anni il Parlamento è impossibilitato a varare qualsiasi riforma della giustizia per non dispiacere all’Associazione nazionale magistrati” – pur tardivamente e in una situazione personale anomala – pone “da Nord” una questione istituzionale e politica di primo livello: che il ministro Maria Elena Boschi farebbe bene a mettere in evidenza sulla sua scrivania se aspira a essere continuatrice del renzismo).

Claudio Cerasa su Il Foglio passa al microscopio il rinnovo del vertice di Terna in chiave di nuove nomenclature nell’amministrazione Renzi, ma finisce per far emergere ancora una volta centralità e dualismi geopolitici. A un vertice “nordico” – composto da Luigi Roth e dall’amministratore delegato Flavio Cattaneo, entrambi provenienti dalla Fiera di Milano – ne succede uno ancora caratterizzato da figure milanocentriche: il presidente Catia Bastioli, scienzata-imprenditrice di Novamont, è stata chiamata a ruolo pubblico solo un anno fa nel board della Fondazione Cariplo, che resta pivot sulla Cassa depositi e prestiti. Dal vertice operativo di quest’ultima, non a caso, viene anche il neo-amministratore di Terna: il bocconiano Matteo Del Fante.

Nella stanza dei bottoni della Cariplo ha fatto tirocinio anche Carlo Cerami, legale milanese punto di riferimento a Nord per la Fondazione ItalianiEuropei (storicamente animata da Massimo D’Alema e Giuliano Amato). E se un consigliere indicato dal centrodestra è il bresciano Stefano Saglia, anche l’inconsueta nomina di Fabio Corsico (direttore delle relazioni esterne del gruppo Caltagirone) reca un’impronta nordista: quella del piemontese Fabrizio Palenzona, via via divenuto cittadino della Milano finanziaria e della Roma politica.

Le Fondazioni del Nord – “giuste o sbagliate” – restano imprescindibili non solo per i campioni nazionali bancari – ancora una volta basati a Milano -, ma per un intero establishment che invece ha potuto fare a meno di un Paolo Scaroni all’Eni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie di O la Borsa o la banca