Obbligazioni CDP, bond scadenza 2026/ Tasso rendimento e condizioni della tassazione

- Niccolò Magnani

Obbligazioni Cassa Depositi e Prestiti: parte oggi il Bond CDP con scadenza nel 2026. Tasso rendimento, prezzo, calendario e acquirenti

Fabrizio Palermo e Luigi Di Maio
Luigi Di Maio con Fabrizio Palermo (CDP) - LaPresse

Scattano oggi (fino al 21 giugno prossimo) le obbligazioni di Cassa Depositi e Prestiti con durata di 7 anni e scadenza del bond CDP nel 2026: il controvalore totale sarà di un miliardo di euro con un tasso di rendimento deciso dalla Cassa decisamente misto. Il Bond CDP avrà infatti rendimento con parte fissa per i primi due anni mentre sarà variabile a partire dal terzo anno e fino all’ultimo, nel 2026: Cassa Depositi e Prestiti si appresta dunque a collocare le obbligazioni ad un tasso di rendimento al 2,7% annuo fino al 2021, mentre dal 2022 fino al 2026 il tasso del Bot sarà pari al tasso Euribor (a 3 mesi più uno spread dell’1,94%). I dati forniti dalla stessa CDP mostrano una scadenza delle cedole a livello trimestrale: i termini fissi daranno il 28 marzo, 28 giugno, 28 settembre e 28 dicembre per i primi due anni, con un valore lordo ovvero priva dell’imposizione fiscale. Le condizioni imposte dal titolo CDP, secondo i calcoli di Soldionline.it e Borsainside.com saranno con un rendimento minimo all’1,954% annuo lordo alla scadenza (nel 2026).

OBBLIGAZIONI CDP: SCADENZA E RENDIMENTO

L’offerta di tali obbligazioni è destinata a persone fisiche residenti in Italia con i titoli che saranno quotati sul MOT di Borsa Italiana: il lotto minimo per ogni risparmiatore sarà a 1000 euro il che rende il Bond CDP alquanto “attrattivo” per un azionariato più vasto. A scadenza il rimborso sarà integrale, ossia al 100% del nominale: sul fronte tassazione sarà di fatto perfezionata sulla scia dei titoli di stato italiani (Btp) ovvero tramite un’imposta sostitutiva del 12,5%. Secondo quanto riportato dai canali esperti, il collocamento delle obbligazioni è cominciato stamani alle ore 9 e si chiuderà alle ore 13 del 21 giugno prossimo: se dopo la scadenza le adesioni risultassero superiori all’offerta totale, Cassa Depositi e Prestiti procederà al riparto con l’assegnazione dell’ammontare complessivo delle obbligazioni CDP.



© RIPRODUZIONE RISERVATA