Ogni cosa è illuminata/ Anticipazioni e ospiti: Irene Grandi e Selvaggia Lucarelli

- Stella Dibenedetto

Ogni cosa è illuminata, anticipazioni seconda puntata: l’architetto Massimiliano Fuksas, la cantante Irene Grandi e Selvaggia Lucarelli ospiti.

Camila Raznovich
Camila Raznovich (Instagram)

Dopo la puntata d’esordio che ha incollato davanti ai teleschermi 746.000 spettatori con il 4.4%, sabato 15 giugno, in prima serata su Raitre, Camila Raznovich conduce la seconda puntata di Ogni cosa è illuminata, un viaggio tra emozioni e conoscenza affrontato con ironia, divertimento e leggerezza. Dopo il primo appuntamento che è stato totalmente dedicato al tema “casa”, inteso sia come abitazione che come città, ambiente, pianeta e posto dell’anima, la seconda puntata di “Ogni cosa è illuminata” ha come argomento il tema della resilienza ovvero la capacità di far fronte in modo positivo ai cambiamenti che la vita ci pone davanti. Anche questa sera, accanto a Camila Raznovich, ci saranno numerosi ospiti. Andiamo a scoprirli insieme.

Ogni cosa è illuminata: gli ospiti del 15 giugno

Saranno l’architetto Massimiliano Fuksas, la cantante Irene Grandi e Selvaggia Lucarelli alcuni degli ospiti della seconda puntata di Ogni cosa è illuminata. Ad aprire la serata sarà Irene Grandi che, come ha fatto Lo stato Sociale nella prima puntata, sarà la protagonista dello spazio “Città di note” nel quale racconterà Firenze, sua città natale nella quale vive ancora adesso, attraverso foto, video e ricordi del suo passato. Céline Cousteau, nipote del grande esploratore francese Jacques Cousteau mostrerà le immagini del suo viaggio in Patagonia mostrando i cambiamenti di quella terra dal primo viaggio del nonno.

Ogni cosa è illuminata: Simona Ghizzoni è la fotografa della seconda puntata

In ogni puntata della nuova trasmissione di Raitre, c’è anche uno spazio dedicato alla fotografia. Questa sera, Camila Raznovich ospita la fotografa Simona Ghizzoni che si occupa di progetti documentaristici sulla condizione della donna e Roberto Minervini, regista di “Che fare quando il mondo è in fiamme?”, documentario dedicato al razzismo e ambientato a Baton Rouge, in Louisiana, nel luglio del 2016 quando gli Stati Uniti furono scossi da una serie di episodi di violenza. La puntata sarà chiusa da un monoogo di Lella Costa dedicato al tema centrale della serata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA