Orsacchiotti più a rischio delle armi da fuoco negli USA?/ “Prodotti più controllati”

- Alessandro Nidi

Gli orsacchiotti di peluche sono soggetti a maggiori controlli di sicurezza rispetto alle armi da fuoco negli Stati Uniti d’America

bambini_abuso_violenza_pixabay

Gli orsacchiotti di peluche sono più sicuri delle armi da fuoco negli Stati Uniti d’America? Un quesito apparentemente dalla risposta scontata, ma comunque degno di un approfondimento, visto e considerato che, a partire da questo mese, il design e la produzione degli orsetti sono soggetti a un maggior numero di norme di sicurezza per i consumatori rispetto alle armi. Una questione divampata nelle ultime ore, quando gli utenti dei social network hanno condiviso un tweet del giornalista Judd Legum: “Negli Stati Uniti ci sono più regolamenti di sicurezza per i consumatori sui teddy bears che sulle armi”.

Il riferimento, in particolare, è al fatto che la Consumer Product Safety Commission, l’agenzia federale che regola i prodotti di consumo (compresi gli orsacchiotti) e attua gli standard di sicurezza e i richiami, non detiene alcun tipo di giurisdizione sulle armi da fuoco. Una componente del panorama normativo statunitense forse poco nota al grande pubblico, ma spesso evidenziata dai sostenitori del controllo delle armi, tanto che nel 2017, una no-profit denominata “Illinois Council Against Handgun Violence”, l’ha utilizzata come base di una campagna pubblicitaria provocatoria, chiamata “Teddy Gun”.

ORSACCHIOTTI PIÙ SICURI DELLE ARMI

Che gli orsacchiotti di peluche siano più sicuri delle armi da fuoco, tuttavia, potrebbe non apparire una novità, visto e considerato che le probabilità di ferirsi con un pupazzo sono praticamente nulle. Il tweet del giornalista Legum, ampiamente condiviso dai suoi followers online, si concentrava però specificamente sui regolamenti per la sicurezza dei consumatori, ovvero i requisiti e gli standard legalmente vincolanti per la progettazione e la fabbricazione di prodotti resi disponibili per la vendita al pubblico. Su questo punto, la sua affermazione è incontrovertibile. Ad oggi, un limitato numero di Stati ha decretato standard di sicurezza legalmente vincolanti per le armi da fuoco, ma questo mosaico di regolamenti non si applica nella maggior parte degli USA, ed è in ogni caso controbilanciato dai regolamenti di sicurezza dei consumatori a cui sono soggetti i giocattoli di peluche e altri prodotti simili.



© RIPRODUZIONE RISERVATA