Osvaldo, Omar e Otis: marito e figli Orietta Berti/ Lei: “Sono dei bravi ragazzi”

- Jacopo D'Antuono

Orietta Berti sui figli e il marito: “Sono bravi ragazzi. Otis mi segue come faceva mio marito Osvaldo che è stato la mia ombra fino a due o tre anni fa”

orietta berti tv7 640x300
Orietta Berti, Tv7

”Sono dei bravi ragazzi. Hanno preso l’educazione da mia mamma e da mia suocera. Sono un po’ all’antica, come sentimenti, come rispetto delle persone. Mi piacciono così”. Con queste splendide parole la cantante Orietta Berti, tempo fa, ha parlato della sua splendida famiglia, formata dai figli Omar e Otis e dal suo grande amore Osvaldo. Il primo figlio, Omar, è nato nel 1975 mentre il secondogenito Otis è arrivato cinque anni più tardi. Quest’ultimo si è sposato e ha regalato una nipotina di nome Olivia a mamma Orietta e papà Osvaldo.

In una vecchia intervista rilasciata a Verissimo, la Berti aveva ammesso di essere molto all’antica e di essere aggrappata ai valori della famiglia e della tradizione. Per avere Omar, con suo marito Osvaldo, ha impiegato ben otto anni: “Abbiamo aspettato ed è arrivato dopo tante cure e consigli”, ha svelato.

Otis e Omar, l’amore per la musica e per mamma Orietta Berti

Una cosa che accomuna la famiglia Berti è il fatto che i nomi di tutti i suoi componenti inizino con la lettera O: Omar, Otis, Osvaldo e Orietta. La cantante ha spiegato che si tratta di una tradizione familiare molto importante e a cui tiene in particolar modo. Un’altra cosa in comune coi figli è la passione per la musica: Omar si ritene un grandissimo appassionato mentre Otis, nel tempo, è diventato il manager della mamma.

“Otis mi segue come faceva mio marito Osvaldo che è stato la mia ombra fino a due o tre anni fa. Ultimamente mio marito non ha più la vista di prima, e quindi oggi tocca ad Otis, che conosce l’inglese e lo spagnolo alla perfezione e anche da un punto di vista tecnologico è molto preparato, quindi la sua presenza nel mio staff, diciamo così, è molto importante”, ha raccontato orgogliosa Orietta Berti. 







© RIPRODUZIONE RISERVATA