Pamela Prati, “Se fossi diventata mamma avrei avuto un figlio gay”/ Quella storia…”

- Giulia Bertollini

Pamela Prati ha festeggiato il suo compleanno lanciano il nuovo singolo “Extasy”. La showgirl ha rivelato die ssere favorevole alle adozioni gay. Sul caso Cazzaniga…

Pamela Prati 640x300
Pamela Prati (Foto: web)

Pamela Prati si è raccontata in un’intervista al Settimanale Chi. La showgirl ha da poco pubblicato il nuovo singolo  “Extasy” per festeggiare il traguardo importante dei 40 anni di carriera e il suo compleanno. Il singolo è stato presentato dal vivo al locale “Muccasassina”. Una scelta che Pamela Prati ha spiegato così: “La comunità LGBT in questi anni non mi ha mai abbandonata, nemmeno nei momenti più difficili”. Pamela è una donna che non ama pregiudizi ed è lei stessa ad ammetterlo: “Sono una donna libera e non ho mai rinunciato ad essere me stessa per compiacere i benpensanti”. Pamela Prati si dice favorevole alle adozioni gay e anche a quella eterologa: “Non posso giudicare male. Posso essere contraria quando viene esercitata con coercizione nei confronti di chi affitta il proprio utero ma dove c’è amore io ci sarò sempre. Negli anni ho sempre pensato che se fossi diventata mamma avrei avuto un figlio gay”. Pamela Prati ha poi ammesso di essersi presa la prima cotta per la cantante Madonna: “Me ne innamorai”. Pamela Prati ha confidato di essere stata in passato corteggiata anche dalle donne: “Non ho mai ceduto perché la mia natura è un’altra ma non nascondo di essere stata attratta da sempre dall’universo femminile”.

Pamela Prati e il caso Cazzaniga: “Quella brutta storia…”

Pamela Prati ha poi espresso un parere sulla vicenda di Roberto Cazzaniga, vittima come lei di una truffa amorosa. La showgirl ha rivelato di essersi messa a piangere dopo aver visto il servizio de Le Iene: “Quella brutta storia ha riaperto in me una ferita che non si è ancora cicatrizzata”. In merito al paragone con la vicenda di Mark Caltagirone, Pamela Prati ha rivelato che non ci sono mai mezze misure: “Se succede ad un uomo è un povero martire, se accade ad una donna famosa o non è una povera cretina. Le donne vengono sempre colpevolizzate ed è arrivato il momento di ribellarci a questo maschilismo imperante”. Pamela Prati comprende perfettamente il suo dolore anche se al momento ha preferito non contattare Cazzaniga.

Pamela a 63 anni suonati ha ancora tantissimi corteggiatori: “Recentemente ne ho incontrato uno che era molto interessante ma è durato da Natale a santo Stefano”. Pamela Prati a conclusione dell’intervista ha poi fatto una confidenza intima rivelando che come regalo di Natale vorrebbe rivedere sua madre: “Magari potesse tornare in vita. Nonostante gli anni, è come se fosse volata via ieri”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA