Paola Perego/ Caso Naike Rivelli: pensava José Luis Bermudez de Castro fosse suo padre

- Valentina Gambino

Paola Perego torna con “Non disturbare”, retroscena  Naike Rivelli: pensava che José Luis Bermudez de Castro fosse suo padre ed invece ha scoperto che non era così…

Paola Perego
Paola Perego

Il 2 luglio riparte “Non disturbare” e Paola Perego è prontissima. Per fare una buona intervista, occorre modificarla in una chiacchierata. Parola sua, confidandosi con TV Sorrisi e Canzoni. Lo scorso anno, durante il suo programma è riuscita a svelare cose mai dette prima. Questo è il caso di Naike Rivelli, che pensava José Luis Bermudez de Castro fosse suo padre, ed invece ha scoperto che non era così. “Quando me lo ha detto mi sono sentita in imbarazzo e ho cercato di andare sull’argomento con i piedi di piombo perché non sapevo cosa avesse voglia di raccontare e cosa no”. La nuova stagione presente sei puntate con 12 ospiti: Elena Santarelli, Rita dalla Chiesa, Sabrina Salerno, Paola Barale e Marisela Federici, solo per tirare alcuni nomi. Le protagoniste della seconda serata, saranno in grado di regalare altri scoop? “Speriamo! La verità è che gli autori e io prepariamo le interviste prima di registrare la puntata, ma sono pronta a stravolgere quello che abbiamo scritto in base a ciò che accade”.

Paola Perego torna con “Non disturbare”: i retroscena più divertenti

La nuova edizione di “Non disturbare” non avrà come protagoniste solamente le donne. “È vero. – racconta Paola Peregoquest’anno abbiamo aperto la porta anche ad alcuni uomini a patto, però, che abbiano una sensibilità particolare verso il mondo femminile. È una bella sfida anche perché all’inizio di ogni puntata, per capire meglio il mio interlocutore, apro il suo trolley e frugo tra i suoi abiti. Non sa quante cose si scoprono dai vestiti! Dalla valigia di Simona Ventura sono venute fuori delle ciabatte improbabili. Me le sono anche provate, non ho resistito alla tentazione. Immagino che stare seduta sul letto con un uomo e tirare fuori dalla sua valigia calzini e mutande sarà piuttosto complicato”. Durante le interviste, la conduttrice “sequestra” il cellulare dei suoi ospiti: “E qui può succedere di tutto, perché io non mi limito a guardare le foto o le canzoni che ascolta, che già forniscono ottime indicazioni su chi ho davanti, ma ricevo i messaggi e le telefonate che arrivano durante la registrazione. Non le nascondo che nella passata stagione qualche momento di imbarazzo c’è stato. Anche perché chi scrive non sa che in quel momento stiamo registrando e che il telefonino ce l’ho io”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA