PAOLA VINCIGUERRA MORTA/ Paola Saluzzi: “ha aiutato tanti, era generosa, bella e…”

- Raffaele Graziano Flore

Paola Vinciguerra è morta, aveva 68 anni. Paola Saluzzi dice addio alla psicologa e psicoterapeuta: “ha aiutato tante persone, era generosa e..”.

Addio a Paola Vinciguerra
Addio a Paola Vinciguerra (Facebook, 2019)

Paola Saluzzi dedica un toccante messaggio a Paola Vinciguerra, psicologa e psicoterapeuta romana conosciuta per le sue numerose partecipazioni a trasmissione tv come La vita in diretta e che si è spenta a 68 anni. “Paola è stata una Amica. Ha aiutato tanti. E tutti le sono debitori. Generosa, sempre. Signora, sempre”, scrive la Saluzzi. “Trasparente, diretta, sincera, non ha sbagliato mai a disegnare il contorno esatto di un problema. Aveva ragione perché studiava, conosceva, capiva. Abbiamo condiviso tanto lavoro; ricordo le telefonate ad orari quasi impossibili e lei c’era sempre. Era elegante, bellissima; era bravissima, Paola Vinciguerra. Che tutto, adesso, sia luce per lei. Grazie, Paoletta. Per sempre, grazie”, aggiunge ancora non nascondendo il proprio dolore per la perdita di una vera amica. Cliccate qui per vedere il post (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

PAOLA VINCIGUERRA MORTA A 68 ANNI

Addio a Paola Vinciguerra: si è infatti spenta ieri all’età di 68 anni la nota psicologa e psicoterapeuta romana che il grande pubblico televisivo aveva imparato a conoscere e apprezzare negli ultimi anni grazie anche alle sue ospitate ne “La Vita in Diretta”: e proprio dagli attuali conduttori del tradizionale contenitore pomeridiano sono arrivate le prime parole di cordoglio per ricordare la specialista che era anche presidente di Eurodap (Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico) e pure direttore scientifico di Bioequilibrium. “Il 21 novembre, nel primo pomeriggio, è venuta a mancare la dott.ssa Paola Vinciguerra: ne hanno dato notizia la figlia e il marito” si legge in un breve post apparso poche ore fa sulla sua seguitissima pagina Facebook. “La dottoressa è stata negli anni un punto di riferimento per i suoi pazienti e una pioniera nell’utilizzo di tecniche innovative nel panorama scientifico della psicoterapia” conclude il post, ricordando che le esequie della Vinciguerra si terranno domani alle ore 11 a Roma presso la Chiesa di San Gioacchino in Prati di via Pompeo Magno.

ADDIO ALLA PSICOTERAPEUTA PAOLA VINCIGUERRA

Nel comunicato non sono state indicate le cause del decesso di Paola Vinciguerra e ciò che resta oggi nel mondo della psicologia italiana è un grande vuoto: la dottoressa infatti, nel corso degli anni, aveva profondamente rinnovato le tecniche di approccio al paziente non solo attraverso la psicoterapia ma pure mediante l’analisi bioenergetica e le terapie individuali e di gruppo, senza dimenticare pure il training autogeno, e diventando così un punto di riferimento: la notorietà televisiva e radiofonica è venuta di conseguenza nonché l’invito a tanti eventi a carattere divulgativo nei quali la Vinciguerra ha potuto spiegare meglio il suo metodo. Come si ricorda oggi, dopo che la notizia della sua morte è divenuta di pubblico dominio, non solo la dottoressa è stata autrice di saggi e testi monografici su tematiche quali la gestione degli stati di ansia e stress o il miglioramento della fiducia in se stessi ma ha collaborato anche con l’Unione Nazionale Consumatori per sensibilizzare sul tema della ludopatia e della dipendenza dai giochi, ovvero la cosiddetta “social addiction”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA