Papa Francesco “sì legge unioni civili Lgbt”/ “Coppie gay hanno diritto a famiglia”

- Niccolò Magnani

Papa Bergoglio nel documentario a lui dedicato “Francesco” apre alla necessità di una legge sulle unioni civili: “coppie gay hanno diritto ad avere una famiglia”

Papa Francesco oscar perino
Papa Francesco (LaPresse)

Faranno discutere e sono immediatamente divenute virali le dichiarazioni di Papa Francesco rilasciate al regista americano di origini russe Evgeny Afineevsky nel film-documentario “Francesco” in uscita alla Festa del Cinema di Roma oggi: «Le persone omosessuali hanno il diritto di essere una famiglia», e in più si fa portatore di un appello alle istituzioni per scrivere una legge sulle unioni civili per le coppie gay e lesbiche. Il tema molto delicato e già in passato aveva portato Papa Francesco ad alcune dichiarazioni importanti nel segno dell’apertura al mondo Lgbt: ora però le parole rilasciate nel documentario sono molto forti e porteranno molte conseguenze nel dibattito dottrinale (e probabilmente anche politico) dopo la diffusione del film-docu.

IL DOCUMENTARIO SU FRANCESCO E LE PAROLE SULLE COPPIE GAY

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia. Sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo. Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo sono coperti legalmente. Mi sono battuto per questo», spiega Papa Francesco nel film, in base alle anticipazioni date da tutti i principali quotidiani italiani. Le parole di Bergoglio, va detto, non si riferiscono alla mera situazione in Italia ma parlano in generale alle realtà politiche e comunitarie nel mondo: le frasi divenute subito “virali” si trovano a metà del documentario mentre il Santo Padre approfondisce i temi a lui più stringenti e cari, l’ambiente, la povertà, le migrazioni, il razzismo, il reddito e le discriminazioni. Secondo il Corriere della Sera, il Papa fa anche riferimento ad Andrea Rubera che assieme al partner gay ha adottato tre bambini: «una mattina, consegnò al Papa una lettera nella quale spiegava di voler crescere i figli nella fede cattolica, temendo però per come sarebbero potuti essere accolti nella locale parrocchia. Il Papa ha poi telefonato a Rubera, dicendogli di essersi commosso nella lettura della lettera, e spingendolo a introdurre i figli nella vita della parrocchia». Sul portale ufficiale del Vaticano (Vatican News) viene data notizia del nuovo documentario e di tutta la genesi della produzione, con anche le principali tematiche: delle frasi sulle coppie gay però non vi è alcuna traccia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA