Paratici multato: “Atteggiamento minaccioso verso l’arbitro”/ Ds Juventus nei guai

- Mirko Bompiani

Nuova multa per Fabio Paratici: dopo l’episodio di Crotone, il dirigente bianconero si è scagliato ancora contro l’arbitro.

paratici juventus
Fabio Paratici, ds della Juventus (LaPresse)

Fabio Paratici ci è “ricascato”: nuova sanzione per il dirigente della Juventus, reo di aver tenuto un atteggiamento minaccioso nei confronti dell’arbitro nella sfida contro l’Hellas Verona, terminata 1-1 e valida per la 5° giornata di Serie A. Il Giudice Sportivo ha comminato una ammenda di 15 mila euro e una diffida per il direttore sportivo della Vecchia Signora, ecco la motivazione: «In quanto non autorizzato, al termine del primo tempo, negli spogliatoi, assumeva un atteggiamento minaccioso nei confronti del Direttore di gara e gli rivolgeva una critica irrispettosa; recidivo». Recidivo, sì: l’ex braccio destro di Beppe Marotta era stato già sanzionato dal GS per aver tenuto un atteggiamento non consono nei confronti dell’arbitro di Crotone-Juventus, Fourneau.

PARATICI, NUOVA MULTA: “ATTEGGIAMENTO MINACCIOSO VERSO L’ARBITRO”

Nuovamente nei guai Fabio Paratici, dunque, un po’ troppo veemente nei confronti dei direttori di gara delle ultime partite della Juventus, terminate entrambe con un pareggio. Al fianco dell’uomo mercato della Vecchia Signora è intervenuto Marcello Chirico: «Tra le numerose critiche rivolte a Paratici c’è quella di non essere abbastanza pronto a fare sentire la voce contro i torti che riceve la Juve. I fatti però dicono il contrario: il dirigente è stato multato per le sue proteste». Chirico ha poi aggiunto a Il Bianconero: «C’è chi parla di “metodo Moggi” per criticare l’operato del dirigente in occasione delle ultime performance arbitrali nei match recentemente pareggiati a Crotone e col Verona. Non è vero che la Juventus sta zitta, il Var ha penalizzato la Juve e la dirigenza della Vecchia Signora non si fa prendere per cretina. Si fa sentire anche se non viene ascoltata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA