Pat Patterson è morto: lutto nella WWE/ Aveva 79 anni: inventò la “Royal Rumble” e…

- Raffaele Graziano Flore

Pat Patterson è morto: lutto nella WWE. Addio all’ex wrestler e consulente creativo della federazione, stroncato a 79 anni da un cancro. Fu la prima superstar gay e ideò la “Royal Rumble”

Pat Patterson, icona WWE
Pat Patterson, icona WWE (Twitter, 2020)

Nuovo lutto nel mondo del wrestling: con un tweet apparso poco fa sul proprio profilo ufficiale la WWE (ossia la World Wrestling Entertainment Inc., l’azienda di intrattenimento USA che si dedica all’organizzazione di questo sport-spettacolo) ha annunciato la scomparsa, all’età di 79 anni, di Pat Petterson. Nato come Pierre Clermont, nel 1941 a Montrèal, Petterson è stato non solo un’icona per tutti gli amanti del wrestling in ogni angolo del mondo ma anche uno dei personaggi più influenti dopo il suo ritiro e nel ruolo di consulente creativo è ricordato soprattutto per essere stato l’ideatore della cosiddetta “Royal Rumble”. Già Hall of Famer della WWE, Patterson stando all’annuncio fatto dalla federazione americana con base a Stanford sarebbe stato stroncato dal cancro contro cui combatteva oramai da un po’di tempo, anche se le cause specifiche del decesso non sono ancora state rese note.

PAT PATTERSON MORTO A 79 ANNI: ADDIO ALL’ICONA DEL WRESTLING WWE

“The ground-breaking professional wrestler who served as Vince McMahon’s right-hand man for nearly 20 years”: così lo ricorda la federazione annunciando la sua morte e puntando i riflettori sulla sua carriera di lottatore insieme a quello che è stato il suo storico partner, oggi amministratore delegato della WWE. Come accennato, Pat Patterson rimarrà nella storia di questo sport non solo per essere stato di fatto il primo Intercontinental Champion nella storia della prestigiosa federazione ma anche perché, sin dal suo debutto ufficiale (avvenuto nell’oramai lontano 1958), si è caratterizzato per essere una delle personalità più carismatiche e innovative del circus, tanto che una volta sceso dal ring è diventato consulente creativo della stessa WWE ideando nel 1988 quello spettacolare evento che è la “Royal Rumble”, evento in pay-per-view seguito ogni anno da milioni di aficionados e che vede nel Royal Rumble Match il suo apice con i più forti wrestler che si affrontano secondo una formula adrenalinica e avvincente. Non solo: Patterson è oggi ricordato anche per essere stato di fatto la prima superstar del mondo del wrestling dichiaratamente gay dopo il coming out fatto nei primi Anni Settanta.



© RIPRODUZIONE RISERVATA