Patrizia Reggiani/ “Dico no al film sulla mia storia, ora voglio cambiare pagina”

- Davide Giancristofaro Alberti

Patrizia Reggiani a Storie Italiane: Lady Gucci parla del film sulla sua vicenda, del risarcimento e del rapporto con le figlie

gucci_reggiani_foto_wikipedia_2018
Maurizio Gucci, in una vecchia foto con Patrizia Reggiani (Wikipedia)

Patrizia Reggiani ha commentato la notizia circa il film di Ridley Scott sulla sua vicenda e l’omicidio dell’ex marito Maurizio Gucci: “Mi dissocio perché ho due figlie – dice parlando con Eleonora Daniele – è una notizia che ho letto sul giornale, non sono d’accordo, nessuno mi ha contattata. Con le mie figlie ho un rapporto assolutamente nullo”. Si parla quindi del risarcimento della stessa Reggiani al portiere Onorato e a Paola Franchi, ex compagna di Maurizio Gucci: “Mia madre non aveva mai voluto dare i soldi a questi signori, ma penso sia una cosa giusta il risarcimento. Io Onorato l’avevo incontrato e lo avevo già rassicurato a riguardo. Perché ho deciso di farlo? Perché io adesso cambio pagina”. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

PATRIZIA REGGIANI E IL RISARCIMENTO

La signora Patrizia Reggiani ha deciso di risarcire Giuseppe Onorato, il portiere dello stabile dove venne ucciso l’ex marito Maurizio Gucci, ferito a sua volta durante l’omicidio, nonché l’ex moglie dello stesso erede della famiglia di stilisti, Paola Franchi. A svelarlo è stata la stessa Reggiani, intervistata quest’oggi dai microfoni di Storie Italiane, su Rai Uno, da Eleonora Daniele: “Mia madre non ha mai voluto dare i soldi a questa signora – dice Lady Gucci – e nemmeno al signor Giuseppe Onorato”, e quando la Daniele chiede se la vita del portiere fosse stata rovinata da questa tremenda vicenda, la Reggiani replica stupita: “Lei crede?”. In collegamento anche lo stesso Onorato che ha spiegato: “Finalmente è arrivata una parte del risarcimento, la signora Reggiani ha iniziato a pagare. Io mi sono rovinato nel fisico e nella mente perché per 25 anni il pensiero è sempre andato lì. Una parte del risarcimento – conclude – andrà agli avvocati per il processo”. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

PATRIZIA REGGIANI, POLEMICA PER IL FILM

Patrizia Reggiani polemica dopo la decisione di realizzare un film riguardante la vicenda dell’omicidio di Maurizio Gucci, il grande erede dell’omonima casa di moda, ucciso nel 1995 sulle scale del palazzo del suo ufficio in quel di Milano. La Reggiani è stata accusata di essere stata la mandante dell’ex consorte, ed è stata condannata a 29 anni di carcere, poi ridotti a 26 in appello, e liberata definitivamente dopo 17 anni di galera. Stamane la signora Reggiani sarà nuovamente ospite presso gli studi di Storie Italiane per parlare della nuova pellicola diretta da Ridley Scott, che vede fra gli attori protagonisti anche il premio Oscar Lady Gaga, che interpreterà proprio Lady Gucci. Dopo aver avuto due figlie con la Reggiani, Maurizio Gucci lasciò l’ex moglie per Paola Franchi, una scelta che non venne accettata dall’ex compagna, che mise in scena la sua vendetta per una questione di eredità.

PATRIZIA REGGIANI “L’HO FATTO SOLO PER LE MIE FIGLIE”

Patrizia Reggiani, dopo essere stata condannata assieme a Pina Auriemma, sedicente maga, e ai killer due che uccisero materialmente il signor Gucci, era tornata libera precisamente il 20 febbraio del 2017, e durante un’ospitata sempre a Storie Italiane, risalente all’anno scorso, aveva parlato delle due figlie, Alessandra e Allegra, che la madre non vede più ormai da più di vent’anni: «Io ho fatto tutto per il loro bene – raccontava – perché se loro adesso usufruiscono di St. Moritz, eccetera, è solo a causa della morte del padre… Se oggi hanno l’uso di questa casa, forse è merito mio. Passo delle nottate a pensare a loro – aveva poi proseguito la Reggiani – e non mi spiego come abbia potuto accettare di essere buttata fuori di casa». Oggi, con grande probabilità, si parlerà in particolare del film di Ridley Scott, che pare abbia contrariato e non poco la stessa mandante dell’omicidio Gucci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA