Philip McKeon è morto/ Era Tommy Hyatt, figlio di Alice nell’omonima sitcom

- Valentina Gambino

Philip McKeon, è morto Tommy Hyatt: il figlio di Alice nella sitcom, si è spento dopo una lunga malattia.

Alice star Philip McKeon

Philip McKeon, che interpretava Tommy Hyatt, il figlio di Alice (Linda Lavin) nella sitcom della CBS del 1976-85, è morto questa mattina dopo una lunga malattia. L’ex bambino prodigio è deceduto in Texas, così come ha dichiarato il portavoce Jeff Ballard alla rivista People: “Siamo tutti oltre il cuore spezzato e devastato dalla morte di Phil”, ha detto Ballard. “Il suo meraviglioso senso dell’umorismo, la gentilezza e la lealtà saranno ricordati da tutti coloro che hanno attraversato la sua strada nella vita”. Nato l’11 novembre 1964 a Westbury, New York, McKeon fu scritturato dalla sitcom dopo che Linda Lavin lo vide esibirsi a Broadway. Il primo attore che ha interpretato Tommy nell’episodio pilota era stato Alfred Lutter, che ha dato origine al ruolo nel film teatrale del 1974 Alice non vive qui, su cui si basava la famosa serie televisiva.

Philip McKeon, è morto Tommy Hyatt: il figlio di Alice nella sitcom

Anche sua sorella, Nancy McKeon, era una bambina prodigio, ricordata per il suo ruolo di Jo Polniaczek nella commedia degli anni ’80 The Facts of Life. Philip McKeon è apparso anche in altri lavori per il cinema e la televisione. Dopo la fine di Alice, l’attore ha continuato a recitare in maniera continuativa, inclusi i film come Sandman (1993) e Ghoulies IV (1994). Ha anche prodotto e diretto alcune pellicole, tra cui Teresa’s Tattoo (1994), interpretato da sua sorella Nancy, Murder In The First (1995) e The Young Unknowns (2000). Più di recente, McKeon aveva lavorato alla stazione radio di Los Angeles KFWB News 98 per 10 anni, così come ha precisato anche il suo portavoce. Successivamente si era trasferito a Wimberly, in Texas, per essere più vicino alla famiglia e negli ultimi anni ha ospitato il suo programma radiofonico. È sopravvissuto a sua madre, Barbara, e alla sorella Nancy.



© RIPRODUZIONE RISERVATA