Pier Luigi Loro Piana chiede 30 mln di € per lo yacht affondato/ Guerra legale in UK

- Alessandro Nidi

Il noto imprenditore sta cercando di spostare la contesa giudiziaria con la britannica Peters e May nei tribunali italiani

Pier Luigi Loro Piana 640x300
Pier Luigi Loro Piana (foto: YouTube)

Il noto imprenditore Pier Luigi Loro Piana ha intrapreso una vera e propria guerra legale contro la Peters e May, compagnia di trasporto britannica, chiedendo il risarcimento dell’intero valore del suo yacht “My Song”, caduto da un mercantile e affondato nel corso di una tempesta. Lo rivela “Dagospia”, che ricorda come il valore dell’imbarcazione fosse pari a 30 milioni di euro e che, dal canto suo, la Peters e May ha respinto al mittente la richiesta, affermando che a cedere sarebbe stato “il supporto fornito dal proprietario dello yacht” e che “le operazioni di sistemazione erano state effettuate dall’equipaggio dello yacht”. La partita, attualmente, si sta giovando nei tribunali del Regno Unito, ma i legali difensori di Loro Piana sono al lavoro per ottenere un trasferimento del caso in Italia e affidarsi così alla magistratura nostrana per ottenere giustizia.

PIER LUIGI LORO PIANA E “MY SONG”, LA BARCA PIÙ BELLA DEL MONDO”

Ricordiamo che “My Song”, di proprietà di Pier Luigi Loro Piana, necessitava di essere trasferito da Antigua a Genova nel maggio del 2019, però, durante la traversata, un violento temporale colse di sorpresa il mercantile che lo stava trasportando. Lo yacht precipitò in acqua rovinosamente e affondò, danneggiandosi irrimediabilmente. “My Song” era considerato da molti esperti del settore la barca più bella del mondo e aveva una lunghezza di 40 metri. Secondo le note ufficiali diffuse all’epoca dei fatti dalla compagnia Peters e May, l’invaso dello yacht sarebbe crollato durante la navigazione, causando l’incidente. Dopo la caduta in acqua, lo scafo risultò forato in più punti e il ponte rimediò danni gravissimi, fra cui anche la perdita dell’albero. Trenta milioni di euro affogati nelle tumultuose acque del Golfo del Leone e per i quali, adesso, Loro Piana pretende giustizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA