Pietramontecorvino, Puglia/ Finalista de Il borgo dei borghi 2021: alla scoperta del paese

- Elisa Porcelluzzi

Pietramontecorvino è uno dei paesi in gara a “Il borgo dei borghi 2021” in onda domenica 4 aprile su Rai 3. Ecco le meraviglie del paese pugliese sul Subppennino Dauno.

Pietramontecorvino
Pietramontecorvino (Wikipedia, 2021)

Pietramontecorvino, in provincia di Foggia in Puglia, è in gara nella grande sfida de “Il borgo dei borghi 2021”. Situata nella parte settentrionale del Subppennino Dauno ed edificata su uno sperone di roccia intorno all’anno Mille, Pietramontecorvino si distingue per il suo impianto urbanistico ad anello sul quale si innestano stretti vicoli che permettono di godere di vedute ad effetto delle circostanti colline. L’abitato e il paesaggio che circonda in borgo sembrano uniti in un disegno nel quale spicca “Il complesso monumentale”, composto dalla torre normanna, dal palazzo ducale e dalla chiesa Matrice. Il palazzo ducale aveva in passato una doppia funzione, sia di prestigio che di difesa. Nel medioevo il borgo era racchiuso all’interno di una cinta muraria costituita da case torri, oggi completamente distrutta, con l’unica casa torre rimasta che si trova in Via Tappeto. Attraverso Port’Alta, caratterizzata da un arco gotico a sesto acuto, si raggiunge la scalinata monumentale che porta al loggiato settecentesco della chiesa Madre, che è dedicata a Maria Assunta. Un’altra chiesa, quella di San Biagio, è situata ai piedi della scalinata.

Pietramontecorvino: il giardino pensile

Le grotte, una volta adibite a casa, oggi sono state trasformate in depositi e cantine e sono intervallate da piccole piazzette e muri di sostegno di piccoli appezzamenti di terreno adibiti ad orti. Il palazzo Ducale di Pietramontecorvino risale all’epoca Angioina, anche se la data effettiva di costruzione non è conosciuta. Sul soffitto dell’Arco Ducale è presente uno stemma angioino e sulla volta della sala principale si trova lo stemma dell’ultima famiglia di feudatari, i Montalto di Trocco. Un’altra attrazione del borgo è il giardino pensile che si trova affacciato su Piazza del Rosario, situata appena fuori dal centro storico. Uno dei piatti tipici da gustare a Pietramontecorvino sono le “Rechetèlle o cecatille”, una tipica pasta fresca fatta in casa, che viene condita con sugo di carne. Molto apprezzate anche le scartellate, servite ricoperte di mosto cotto o di miele. Clicca qui per vedere il video di presentazione di Pietramontecorvino



© RIPRODUZIONE RISERVATA