PIL E LAVORO/ Così l’America di Biden prova a copiare l’Europa

- Giancamillo Palmerini

Joe Biden il 20 gennaio giurerà come nuovo Presidente degli Stati Uniti. Le su ricette su lavoro e welfare ricordano le best practices europee

biden
Joe Biden (LaPresse)

Dopo una lunga campagna elettorale, non finita, come noto, il giorno delle elezioni, oggi possiamo dire, con certezza, che Joe Biden è il quarantaseiesimo Presidente degli Stati Uniti. Così hanno confermato, coerentemente con il mandato popolare, i grandi elettori e il vecchio Joe (un po’ “sleepy” per il suo avversario) giurerà, come da tradizione, il prossimo 20 gennaio. Il tempo, insomma, delle proposte, e delle promesse, è finito e il nuovo “comandante in capo” sarà chiamato a governare il Paese e sulle scelte messe in campo verrà, dal 21 gennaio, giudicato, quotidianamente, dai suoi concittadini.

Ciò premesso, oggi è il momento in cui capire cosa, plausibilmente, aspettarci, nei prossimi 4 anni, dall’amministrazione americana. Dal punto di vista economico, ad esempio, si scommette non solo di far tornare le cose come erano prima, ma, addirittura, di ricostruirle meglio. Biden e il suo team, insomma, dichiarano che non saranno soddisfatti fino a quando l’economia americana non comincerà a dare frutti per tutti.

Ci si propone, in questo quadro, di mobilitare la produzione e l’innovazione per garantire che il futuro sia fatto in America e in tutta l’America. Si evidenzia, infatti, l’importanza di (ri)portare a casa catene di approvvigionamento critiche in modo da non dipendere da altri Paesi nelle crisi future. Un primo passo per (ri)costruire una solida base industriale e catene di fornitura guidate da piccole imprese anche con l’obiettivo di mantenere, e creare, milioni di posti di lavoro ben retribuiti, e garantiti, nel settore manifatturiero e tecnologico in tutto il Paese.

Si punta poi a mobilitare l’ingegno americano per costruire un’infrastruttura moderna e un futuro energetico più equo e pulito. Questo significherà, nello specifico, investire in un sistema infrastrutturale moderno e sostenibile fatto di strade e ponti, reti energetiche e scuole, ma anche della banda larga universale. Contribuire, insomma, a costruire un’economia basata sull’energia pulita creando, allo stesso tempo, milioni di posti di lavoro ben pagati e garantiti.

Si scommette poi sulla capacità di mobilitare il talento, e il cuore, degli americani per costruire una forza lavoro nell’educazione e nell’assistenza adeguata alle sfide dei nostri tempi. La pandemia, ancora in corso, ci ha ricordato, infatti, quanto siano difficili questi lavori e quanto siano sottovalutati coloro che li fanno. Il Presidente Biden, in questa prospettiva, si impegnerà a rendere molto più facile la possibilità di permettersi l’assistenza all’infanzia e assicurerà che i parenti anziani e le persone con disabilità abbiano un migliore accesso all’assistenza domiciliare e comunitaria.

Allo stesso tempo ritiene necessario aumentare la retribuzione e le opportunità professionali per i caregiver e gli educatori, creare, così, milioni di nuovi posti di lavoro ben retribuiti in questi settori.

Solitamente l’Europa imita e copia le scelte fatte al di là dell’oceano e le implementa nei suoi sistemi. A leggere, però, queste proposte sembra, forse, che, per la prima volta, il progetto del Presidente degli Stati Uniti sia quello di far diventare il suo grande Paese e un po’ più simile alle migliori esperienze che già operano nel Vecchio continente. Potremmo quasi dire che segue il “sogno europeo” e il suo modello di economia sociale di mercato della cui validità, e attualità, pur con tutti i suoi limiti, nel nostro Paese spesso ci sembriamo dimenticare.



© RIPRODUZIONE RISERVATA