PINGUINI TATTICI NUCLEARI/ Dopo Ringo Starr sbancano con Ridere

- Dario D'Angelo

Pinguini Tattici Nucleari: video, dopo il successo al Festival di Sanremo con Ringo Starr ancora un grande responso del pubblico per “Ridere”

pinguini tattici nucleari 640x300
Pinguini Tattici Nucleari

Ci sono anche i Pinguini Tattici Nucleari a Battiti Live 2020, la kermesse musicale, nata nel cuore del Sud Italia, condotta da Alan Palmieri e Elisabetta Gregoraci e in onda questa sera su Italia Uno. Ma chi sono i Pinguini Tattici Nucleari? La band, composta da Riccardo Zanotti, Matteo Locati, Simone Pagani, Elio Biffi, Lorenzo Pasini e Nicola Buttafuoco, ha ottenuto la grande ribalta all’ultimo Festival di Sanremo. Nell’edizione 2020 della kermesse dell’Ariston, il gruppo formatosi dieci anni prima in provincia di Bergamo ha entusiasmato il pubblico in sala e quello da casa con quello che è diventato uno dei tormentoni del Festival: “Ringo Starr”. L’energia della band e l’ironia del testo hanno contagiato moltissimi italiani, che per la prima volta hanno fatto la scoperta di questo gruppo così vitale e travolgente. Risultato? Terzo posto nella classifica generale per i Pinguini Tattici Nucleari!

PINGUINI TATTICI NUCLEARI: IL SUCCESSO DOPO RINGO STARR

Guai però a pensare che i Pinguini Tattici Nucleari siano una meteora. Lo dimostra anche il successo confermato nei mesi successivi dalla band: il 17 aprile 2020 è uscito Ridere, il secondo singolo estratto dalla ristampa dell’album Fuori dall’hype – Ringo Starr, del quale il 28 aprile dello stesso anno è stato pubblicato il video musicale che ad oggi ha superato i 7 milioni di visualizzazioni su YouTube. La clip è stata realizzata con tanti piccoli filmati inviati dai fan durante la quarantena del coronavirus. Riccardo Zanotti, frontman della band, intervistato dal Corriere della Sera all’indomani dell’uscita del singolo, ha spiegato: “Si chiama call to action: dici alla tua gente di mandarti un contenuto. Hanno risposto in migliaia. Un conto è il divertimento, un altro è il divertissement. Sono entrambi importanti, ma diversi. Il mero divertimento è leggerezza. Non voglio essere quello che affronta le cose con leggerezza. In ogni canzone cerco di trasmettere qualcosa. Il divertissement è quando riconosci che c’è un problema, un’emergenza, un incubo, e in alcuni momenti cerchi di distrarti. Non ci si può distrarre da qualcosa di cui non ti rendi conto; ti distrai da una cosa di cui sei molto cosciente”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA