SCIOPERO DELLE TASSE/ Gli industriali vicentini in rivolta: se lo Stato non ci aiuta, i nostri soldi restano qui

- La Redazione

Se non arriveranno dallo Stato i soldi necessari a far ripartire il Veneto, gli abitanti della Regione daranno vita ad uno sciopero fiscale.

Veneto_Alluvione_Stop_CartelloR400

Se non arriveranno dallo Stato i soldi necessari a far ripartire il Veneto, gli abitanti della Regione daranno vita ad uno sciopero fiscale.

Il Veneto in ginocchio rischia di essere prostrato del tutto. Dopo le alluvioni, le esondazioni e gli allagamenti dei giorni scorsi riprende a piovere in Veneto e la situazione già tragica rischia di acuirsi. Il governatore Luca Zaia ha calcolato danni per un ammontare di un miliardo di euro e chiede allo Stato, e a tutte le altre Regioni di contribuire. Per il momento, lo Stato ha messo a disposizione 20 milioni di euro. «Non siamo gente – dice Zaia – che si mette con il cappello in mano, tanto abbiamo dato ma adesso a essere in ginocchio siamo noi e chiediamo». Se i soldi non arriveranno, in molti, come il sindaco leghista di Treviso Giampaolo Gobbo, hanno pronta la soluzione: «Se non ci danno i soldi, fermiamo qui i soldi delle tasse e li usiamo per i danni applicando il federalismo».. 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

La pensa così anche il vicepresidente degli industriali vicentini, Luciano Vescovi, che afferma: «Questa volta non passa. Se il sostegno alle imprese e ai cittadini vicentini non ci sarà da parte dello Stato, noi non pagheremo le tasse». Se mancheranno i soldi al Veneto, «lo Stato colpirà una parte sana dell’economia italiana. Il manifatturiero vicentino esporta più della Grecia e tiene su una buona parte dell’economia italiana. Il sostegno per noi è un sostegno per l’economia del Paese», afferma, e conclude: «Se lo Stato venendo qui ci dirà bravi, avete pulito il fango, sapete arrangiarvi, allora ci arrangeremo del tutto questo non è essere leghisti, non è politica. Siamo veramente stufi».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori