BEPPEGRILLO.IT/ Il voto di fiducia? La solita recita

- La Redazione

Secondo il blog di Beppe Grillo, quella di oggi è stata l’ennesima messinscena, i cui attori saranno spazzati via, nel 2011, dalla crisi.

BerlusconiCameraR400
Foto Imagoeconomica

Secondo il blog di Beppe Grillo, quella di oggi è stata l’ennesima messinscena, i cui attori saranno spazzati via, nel 2011, dalla crisi.

Un vittoria di Pirro, quella di Berlusconi, con numeri irrisori, specie se paragonati a numeri di ben altra sostanza. Dal blog di Beppe Grillo giunge un duro attacco contro Berlusconi, la maggioranza, ma anche l’opposizione e la classe politica in generale. «1867,398 miliardi di euro è il nuovo record del debito pubblico. In ottobre ci siamo divorati 23 miliardi, a settembre il debito era di 1844 miliardi. Nello stesso giorno del record che ci trascina verso l’abisso economico, il 14 dicembre 2010, alla Camera dei deputati Berlusconi ha vinto per 314 a 311», si legge sul blog che definisce il voto di fiducia di oggi «un confronto osceno di compari che sentono l’odore della rivoluzione nelle strade e cercano di salvarsi con un doppio carpiato come Fini, rinnegando 15 anni di inciuci come Bersani e Casini».

Secondo chi scrive, «la recita dei deputati ha avuto ancora una volta la sua rappresentazione». Ovvero «attori con stipendi stellari, macchine blu, finanziamenti (furti) elettorali da un miliardo di euro bocciati da un referendum, giornalisti al loro servizio pagati con una mancia di 329 milioni mentre il Paese va a picco».

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 
Non solo. Il giudizio del blog è impietoso, e arriva a sostenere che «La corte dei miracoli», rispetto al Parlamento, «aveva più dignità, un circo ha più serietà, un bordello più dignità». Tutto questo, in ogni caso, finirà. «Nel 2011 la crisi economica spazzerà via questa umanità ridente che si è appropriata dello Stato e dei media. Straccioni sociali che hanno avuto nella politica l’unica via per il successo, per sentirsi importanti, indispensabili, "onorevoli"».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori