LEGGE DI STABILITA’/ Le principali misure del provvedimento approvato in Senato

Il Senato ha approvato, ieri, in via definitiva, la Legge di Stabilità. Tutte le principali misure previste.

08.12.2010 - La Redazione
senato1R400
Foto Imagoeconomica

Il Senato ha approvato, ieri, in via definitiva, la Legge di Stabilità. Tutte le principali misure previste.

Università, 5X1000, ambiente e sanità; e ancora sicurezza, treni e ammortizzatori sociali: sono alcuni dei settori che la Legge di Stabilità – ex Finanziaria – approvata ieri, in via definitiva in Senato, tocca. Il provvedimento è passato con i voti di Pdl, Lega e Fli, mentre l’opposizione ha votato contro. I sì sono stati 161, i no 127 i no e 5 gli astenuti. La Legge, finalizzata alla tenuta in ordine dei conti dello Stato, è stata votata con largo anticipo rispetto agli anni precedenti, e si riferisce al triennio a venire. Di seguito, le misure principali affrontate dalla legge.

– Il finanziamento ammonta a 1 miliardo di euro. 25 milioni sono previsti per le università private.

I fondi passano a 245 milioni, dagli iniziali 150.

Il governo si impegna, con un ordine del giorno, a riportare la cifra a 400 milioni. Cento milioni serviranno alla «proroga della liquidazione del 5 per mille»

Stanziato un miliardo per il 2011.

Stanziati 100 milioni.

Potrebbe aumentare il prezzo dei treni locali.

– La parte del salario legata alla produttività viene detassata del 10 per cento.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 

– Viene prorogata l’esenzione del ticket sulle visite specialistiche per il 2011, per 5 mesi e un ammontare di 347,5 milioni.

– Le missioni internazionali sono prorogate per il primo semestre 2011. Stanziati 750 milioni.

 

La stretta sui giochi, con un giro eccezionale di controlli più severI, frutterà, secondo i calcoli, 500 milioni.

 

– Gli 1,5 miliardi per l’edilizia sanitaria pubblica saranno destinati, al 15 per cento al centro-nord, all’85% al sud.

– Il ministero dell’Ambiente sarà finanziato con 130 milioni in 3 anni. Il fondo servirà, in particolare, per pagare i dipendenti degli enti parco e per la ricerca.

 

– E’ previsto un finanziamento di 60 milioni che saranno utilizzati per pagare gli interessi passivi maturati a causa del ritardato pagamento dei fornitori. Ridotte indennità e gettoni per gli amministratori che hanno portato le proprie amministrazioni in rosso.

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 

 

– Per il 2013 è previsto un contributo di 15 milioni per il funzionamento della Camera.

 

–  L’esenzione dall’Iva per gli immobili invenduti è prorogata di un anno. Imposte anticipate per chi acquista un immobile in leasing.

  Stanziati 100 milioni per l’editoria.

 

– Previsto un contributo di 45 milioni per le tv locali.

– I Comuni beneficeranno di 344 milioni dopo l’abolizione dell’Ici sulla prima casa.

 

Trenta milioni sono destinati all’ammodernamento delle “gazzelle”

 

– L’operazione “Strade sicure”, che vede nelle città la presenza di militari e poliziotti, è rifinanziati per altri 6 mesi.

 

Le agevolazioni contributive per le imprese agricole delle aree sottoutilizzate e di montagna sono prorogate.

 

Previsti quattrocento milioni di sostegno al settore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori