CASO BOFFO/ Il Vaticano interviene: “Campagna diffamatoria contro il Papa”

- La Redazione

CASO BOFFO: La Santa Sede interviene con un comunicato per smentire con fermezza le voci che si rincorrono in merito alle dimissioni di Dino Boffo dal ruolo di direttore del quotidiano cattolico “Avvenire”. “E’ in corso una campagna diffamatoria contro la Santa Sede”

BenedettoXVI3_R375

LA SANTA SEDE SMENTISCE “VOCI SENZA FONDAMENTO” SUL CASO BOFFO: La Santa Sede interviene con un comunicato della Segreteria di Stato per smentire con fermezza le voci che si rincorrono in merito alle dimissioni di Dino Boffo dal ruolo di direttore del quotidiano cattolico “Avvenire”. Secondo queste voci, riprese da quasi tutti i giornali, dietro l’attacco de Il Giornale di Vittorio Feltri a Boffo ci sarebbero dei mandanti: il direttore de L’Osservatore Romano, Giovanni Maria Vian e il card. Bertone, segretario di Stato.

«Queste notizie e ricostruzioni non hanno alcun fondamento. In particolare, è falso che responsabili della Gendarmeria vaticana o il direttore de “L’Osservatore Romano” abbiano trasmesso documenti che sono alla base delle dimissioni, il 3 settembre scorso, del direttore di “Avvenire”; è falso che il direttore de “L’Osservatore Romano” abbia dato – o comunque trasmesso o avallato in qualsiasi modo – informazioni su questi documenti, ed è falso che egli abbia scritto sotto pseudonimo, o ispirato, articoli su altre testate».

Il comunicato prosegue denunciando «una campagna diffamatoria contro la Santa Sede, che coinvolge lo stesso Romano Pontefice», che si nutre di argomentazioni e ipotesi incredibili che trovano spazio sui giornali.
Il comunicato si chiude con una preghiera del Santo Padre Benedetto XVI, “che deplora questi attacchi ingiusti e ingiuriosi” «perché chi ha veramente a cuore il bene della Chiesa operi con ogni mezzo perché si affermino la verità e la giustizia».

Il testo integrale del comunicato della Segreteria di Stato, diffuso oggi dalla Sala Stampa della Santa Sede.

Dal 23 gennaio si stanno moltiplicando, soprattutto su molti media italiani, notizie e ricostruzioni che riguardano le vicende connesse con le dimissioni del direttore del quotidiano cattolico italiano "Avvenire", con l’evidente intenzione di dimostrare una implicazione nella vicenda del direttore de "L’Osservatore Romano", arrivando a insinuare responsabilità addirittura del cardinale segretario di Stato.

Queste notizie e ricostruzioni non hanno alcun fondamento. In particolare, è falso che responsabili della Gendarmeria vaticana o il direttore de "L’Osservatore Romano" abbiano trasmesso documenti che sono alla base delle dimissioni, il 3 settembre scorso, del direttore di "Avvenire"; è falso che il direttore de "L’Osservatore Romano" abbia dato – o comunque trasmesso o avallato in qualsiasi modo – informazioni su questi documenti, ed è falso che egli abbia scritto sotto pseudonimo, o ispirato, articoli su altre testate.

Appare chiaro dal moltiplicarsi delle argomentazioni e delle ipotesi più incredibili – ripetute sui media con una consonanza davvero singolare – che tutto si basa su convinzioni non fondate, con l’intento di attribuire al direttore de "L’Osservatore Romano", in modo gratuito e calunnioso, un’azione immotivata, irragionevole e malvagia. Ciò sta dando luogo a una campagna diffamatoria contro la Santa Sede, che coinvolge lo stesso Romano Pontefice.

Il Santo Padre Benedetto XVI, che è sempre stato informato, deplora questi attacchi ingiusti e ingiuriosi, rinnova piena fiducia ai suoi collaboratori e prega perché chi ha veramente a cuore il bene della Chiesa operi con ogni mezzo perché si affermino la verità e la giustizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori