ELEZIONI REGIONALI 2010/ Il Consiglio di Stato conferma il Tar: Formigoni è candidato in Lombardia

- La Redazione

Il Consiglio di Stato ha da poco confermato la sentenza del Tar sull’ammissibilità alle elezioni della lista Per la Lombardia, collegata a Roberto Formigoni

Formigoni_RobertoR375_22sett08
Roberto Formigoni (Imagoeconomica)

ELEZIONI REGIONALI 2010 FORMIGONI UFFICIALMENTE CANDIDATO – Il Consiglio di Stato ha da poco confermato la sentenza del Tar sull’ammissibilità alle elezioni della lista Per la Lombardia, collegata al candidato e attuale presidente Roberto Formigoni. Dopo la sentenza del Tar che riammetteva la lista di Formigoni alle prossime elezioni regionali, infatti, Rifondazione Comunista e Comunisti Italiani hanno fatto ricorso al Consiglio di Stato sperando di ribaltare la decisione del Tar.

 

Il Consiglio di Stato ha invece confermato la sentenza, ammettendo quindi in via definitiva Roberto Formigoni alla consultazione elettorale. Il Tar aveva dichiarato ammissibile la lista di Formigoni, esclusa per irregolarità formali nell’autenticazione delle firme, prima che venisse pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto interpretativo varato dal Governo, il cosiddetto Salva Liste, e quindi – a detta del Governatore – senza beneficiare di alcun “aiutino”.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULLA CANDIDATURA UFFICIALE DI ROBERTO FORMIGONI CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

La quarta sezione del Tar Lombardia, presieduta da Adriano Leo, «ha accolto i ricorsi e annullato gli atti impugnati dichiarando ammessa la lista «Per la Lombardia» alla competizione elettorale del 28-29 marzo 2010. Dopo un ampio esame del dibattito giurisprudenziale in materia e in coerenza con un orientamento in precedenza assunto dal Tar Lombardia, il collegio – spiega il Tar – «ha ritenuto pienamente proponibili ed ammissibili i ricorsi. Nel merito i ricorsi sono stati ritenuti fondati ed accoglibili alla luce dell’articolo 10 della legge 17 febbraio 1968 n. 108 e successive modifiche, che regolano l’attività dell’Ufficio centrale elettorale presso la Corte d’Appello».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori