LEGA NORD/ Bossi: nel 2013 un premier leghista. Intanto ci prendiamo le banche del Nord

- La Redazione

Un presidente del Consiglio leghista? Perché no? Il leader della Lega nord Umberto Bossi non lo esclude. Magari, per il 2013. 

BossiBerlusconiSanGiovanni_R375

Un presidente del Consiglio leghista? Perché no? Il leader della Lega nord Umberto Bossi non lo esclude. Magari, per il 2013. «Vedremo. Tutto è possibile, abbiamo dimostrato che tutto è possibile» ha detto Bossi. Secondo Umberto Bossi, la presidenza del Consiglio è uno degli obiettivi della Lega. UN obiettivo realistico. Accanto a quello di “mettere le mani” sulle banche del nord. «E’ chiaro che le banche più grosse del nord – spiega Umberto Bossi – avranno uomini nostri a ogni livello. La gente ci dice prendetevi le banche e noi lo faremo».

Leggi anche: RIFORME/ Così l’ipotesi Berlusconi al Quirinale condiziona le scelte di Fini e della Lega, di M. Veneziani

’ – In occasione del vertice di questa sera con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, Umberto bossi rilancia le ambizioni della Lega nord. Vuole le banche del nord e un premier della Lega nel 2013. Ma, assicura, alla Lega non interessa il potere. Né accumulare cariche: «La Lega ha già tante poltrone – dice Umberto Bossi – non ci interessa una poltrona in più»

– Prima del vertice di questa sera con il premier Berlusconi, il leader della Lega nord Umberto Bossi chiarisce i rapporti con gli alleati: «Nessuna federazione, la Lega sta da sola» ha spiegato Bossi ribadendo che – in attesa del colloquio serale con il premier, fissato per ufficializzare la presa di possesso da parte dell’ex governatore veneto del ministero dell’Agricoltura – «l’importante è che gli interessi degli agricoltori siano garantiti. Interessi che sono garantiti dai nostri assessori in Lombardia e in Veneto».

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO

 PER BOSSI LA LEGGE ELETTORALE NON SI TOCCA – Al centro del vertice di stasera tra Bossi e Berlusconi, in ogni caso, ci saranno le riforme e il federalismo. «La legge elettorale non si tocca. Stiamo parlando di federalismo e non di legge elettorale. La legge elettorale funziona già e io toglierei il doppio turno anche alla Comunali» ha detto il leader del Carroccio Umberto Bossi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori