SPERONI/ “Il Popolo della Libertà un bordello” secondo l’europarlamentare leghista

- La Redazione

Speroni attacca gli ex socialisti presenti nella maggioranza: Il PdL è un bordello, dice

francescosperoni_R375

Francesco Speroni, europarlamentare della Lega, definisce “bordello” l’attuale Popolo delle Libertà. Lo ha fatto in una intervista rilasciata al giornale Il Fatto Quotidiano. Nell’intervista, Speroni fa i nomi di alcuni esponenti della maggioranza, tutti ex membri del Partito socialista, responsabili secondo lui della situazione di difficoltà economica in cui ci troviamo. “Mi mette un po’ a disagio collaborare con chi era nostro avversario”, dice Speroni citando poi Margherita Boniver, il ministro Sacconi, l’ex Scajola e Cicchitto. A proposito di quest’ultimo, Speroni ha anche detto: “E’ vero che il PdL a volte assomiglia più a un bordello che a una casa, perché entrano tutte le puttane della Prima Repubblica. Tutta la Prima Repubblica è dentro lì. Non posso dimenticare che Cicchitto era capogruppo dei Socialisti, nella Lega non c’è nessuno che apparteneva alla Prima Repubblica, e anche molti ex An non digeriscono questo fatto. Cicchitto era un loro avversario e adesso è il loro capogruppo. Può darsi che gli stia bene, ma mi dà fastidio che Berlusconi continui a invitare tutti i ruderi della Prima Repubblica”.

Pronta la replica dell’onorevole Cicchito, presidente dei deputati PdL: “Essendo notoriamente un troglodita Francesco Speroni non è in grado di parlare né della prima, né della seconda e neanche della terza Repubblica. Fortunatamente la Lega alla Camera, al Senato e negli enti locali ha una classe politica di altro livello”.

Critiche a Speroni sono arrivate da altri esponenti della maggioranza. “L’onorevole Speroni con il suo giudizio sul capogruppo del Pdl alla Camera sbaglia sia in termini politici sia in termini personali”, dice Osvaldo Napoli. “Cicchitto rappresenta non se stesso ma tutto il Pdl alla Camera dei deputati. E poi, ricordo a Speroni, che afferma che nella Lega non vi sono esponenti della prima Repubblica, che nel caso sono a sua disposizione per elencarne a decine: le acquisizioni in questi ultimi periodo di persone ascrivibili a quella categoria da parte del suo partito sono diventate quotidiane”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori