BERSANI/ “Un nuovo Ulivo”. Il leader del PD dice basta all’unione e chiede un’alleanza democratica contro Berlusconi

- La Redazione

Bersani propone un nuovo Ulivo e una santa alleanza delle forze progressiste per battere Berlusconi

“Un nuovo Ulivo”: è la proposta di Pier Luigi Bersani per le prossime elezioni. Bersani ha scritto una lettera pubblicata da La Repubblica, in cui dice che dopo la rottura tra Berlusconi e Fini, considera “doveroso che la destra in disfacimento certifichi la sua crisi in Parlamento”. Il PD, dice, è pronto a un governo di transizione per cambiare la legge elettorale e risolvere la crisi economica.

In caso invece ci dovessero essere elezioni anticipate, allora Bersani propone un’alleanza democratica per una legislatura costituente. “Sto parlando di una alleanza che può assumere, nell’emergenza, la forma di un patto politico” dice Bersani “ed elettorale vero e proprio, o che invece può assumere forme più articolate di convergenza che garantiscano comunque un impegno comune sugli essenziali fondamenti costituzionali e sulle regole del gioco”.

CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE DEL NUOVO ULIVO PROPOSTO DA BERSANI

"Una proposta che potrebbe coinvolgere anche forze contrarie al berlusconismo che in un contesto politico normale (come già avviene in Europa) avrebbero un’altra collocazione; una proposta che dovrebbe rivolgersi ad energie esterne ai partiti interessate ad una svolta democratica, civica e morale". Per far ciò, Bersani chiede una convergenza, “una santa alleanza”, con l’impegno univoco, leale, convinto e coeso di tutte le forze progressiste. Perciò la nascita di “un nuovo Ulivo”.

Molto positive le reazioni da parte degli esponenti del centrosinistra, fra cui Romano Prodi, fondatore proprio dell’Ulivo che si dice “piacevolmente sorpreso” e d’accordo sul termine “nuovo”. L’augurio affinché Bersani possa trovare "il terreno adatto e il calore sufficiente perché la pianta mediterranea possa vivere abbastanza a lungo da produrre frutti sufficienti a risollevare le sorti dell’Italia".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori