8 MARZO/ E’ la Festa della donna, ma al Senato salta l’intesa sulle quote rosa

- La Redazione

E’ saltata, nel giorno della Festa della donna, in Commissione al Senato, l’intesa sul testo che avrebbe imposto nella società pubbliche e in quelle quotate un terzo di donne nei Cda.

senato1R400
Foto Imagoeconomica

E’ saltata, nel giorno della Festa della donna, in Commissione al Senato, l’intesa sul testo che avrebbe imposto nella società pubbliche e in quelle quotate un terzo di donne nei Cda.

A nulla è valsa la suggestione della giornata dedicata alle donne. E in Senato il risultato ottenuto  da chi sperava che la discussione in corso portasse all’intesa sulle quote rosa è stata pari a zero.  Governo e maggioranza, in particolare, non hanno raggiunto un accordo su un testo che avrebbe dovuto prevedere che nei Cda della aziende quotate in borsa e in quelle a partecipazione pubblica, almeno un terzo dei partecipanti fossero donne.

L’esecutivo si sarebbe imputato stabilendo che ad un obiettivo del genere è necessario arrivarci con gradualità, tramite i rinnovi dei Consigli d’Amministrazione, in tre mandati, arrivando a regime nel 2021. Secondo Maria Ida Germontani, relatrice del provvedimento, c’è stato «un braccio di ferro tra il governo e il Senato» dal momento che tutta la Commissione si sarebbe trovata d’accordo nel concedere, prima di arrivare a regime, solamente due  mandati.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

La seduta è stata così rinviata a domani mattina. Gaetano Quagliariello, vicecapogruppo dei senatori del Pdl, ha dichiarato ai cronisti: «Abbiamo preso atto della posizione del governo. Adesso abbiamo bisogno di un momento di approfondimento. Il nostro auspicio è che governo e maggioranza siano concordi con una posizione uniforme». In mattinata, Maurizio Gasparri, capogruppo Pdl, e Anna Finocchiaro, capogruppo Pd, avevano auspicato che il testo fosse approvato in deliberante, cioè senza il passaggio in Aula, per l’unanimità in commissione. 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori