SENATO/ Governo e maggioranza battuti due volte di fila sul Ddl anticorruzione

- La Redazione

Il governo e la maggioranza sono stati battuti, per due volte di fila, nell’aula di Palazzo Madama. Erano in corso le votazioni degli emendamenti del ddl anticorruzione.

camera_sedutaR400
Foto Imagoeconomica

Il governo e la maggioranza sono stati battuti, per due volte di fila, nell’aula di Palazzo Madama. Erano in corso le votazioni degli emendamenti del ddl anticorruzione. Il primo ha ottenuto 133 no, 129 sì e 5 astensioni. Il provvedimento sostituiva il primo articolo del Ddl, istituendo un Comitato di coordinamento presieduto dal premier. Secondo l’opposizione l’Authority  che si sarebbe istituita avrebbe avuto un potere del tutto svincolato dal controllo dell’esecutivo. Le votazioni sono state sospese per un breve periodo di tempo. Alla ripresa, il governo è stato battuto su un altro emendamento. Questa volta i sì sono stati 129, i no 131 e 4 gli astenuti. Riguardava il turn over dei dirigenti nelle amministrazioni centrali e periferiche. A quel punto, il presidente di turno, Domenico Nania, ha nuovamente sospeso la seduta.

Nel corso della giornata la Lega Nord ha votato contro un emendamento bipartisan che, in ogni caso, è passato con 214 si, 30 no e 11 astenuti. L’emendamento in questione obbliga «coloro che occupano cariche pubbliche o assumono pubblici impieghi» a giurare, al momento dell’assunzione, a giurare fedeltà alla Costituzione. Le votazioni di oggi passano in esame più di 200 emendamenti del ddl nato su iniziativa dell’esecutivo.  

«Abbiamo battuto il governo e la maggioranza su un punto qualificante», ha commentato Anna Finocchiaro, capogruppo dei senatori del Pd. Chiedendo il ritiro del Ddl ha aggiunto: «La maggioranza propone contro la corruzione un comitato presieduto dal premier, noi siamo per un’autorità indipendente. Non vogliamo la volpe a guardia del pollaio». A influire sulla sconfitta, le numerose defezioni. Erano assenti, infatti, 29 senatori del Pdl, 6 della Lega, 11 del Pd, 2 dell’Idv, uno dell’Udc e uno del Gruppo misto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori