TESTAMENTO BIOLOGICO/ La discussione alla Camera. Pdl: “Bersani usa parole macabre”

- La Redazione

In corso la discussione alla Camera dei deputati del decreto legge sul testamento biologico. Prevista l’approvazione del decreto proposto dalla maggioranza

montecitorio_R400
Il governo Monti ha ottenuto la fiducia della Camera

E’ ripresa ieri alla Camera dei deputati la discussione sul testo di legge relativo al testamento biologico, il decreto legge Calabrò. Si tratta del disegno di legge che la maggioranza sostiene e promuove. Sono già stati approvati gli articoli 1 e 2, è previsto che la discussione proceda fino alla prossima settimana, in quanto l’opposizione sta intervenendo a raffica nel tentativo di fermare e modificare il disegno di legge. Esplicita una frase rilasciata ieri da Pierluigi Bersani, segretario del Pd: “Pian piano Cicchitto sta decidendo come devo morire io”. La replica del Pdl: le parole di Bersani sono macabre. La maggiorana può contare sui voti degli appartenenti all’Udc  che sostengono il disegno di legge, mentre si calcola che diversi cattolici appartenenti al Pd votino anche loro a favore del ddl. I più battaglieri nel proporre emendamenti e interrompere la discussione sono gli appartenenti al Partito radicale presenti nell’opposizione.Maria Antonietta Coscioni ha proposto ad esempio di scorporare un emendamento del Pd per avere un voto su un comma relativo al divieto di eutanasia.E’ però intervenuta il presidente in carica al momento, Rosy Bindi, spiegando che si stava votando un articolo sostitutivo e non un principio già contenuto comunqu enell’articolo poi approvato. L’emendamento è stato dunque bocciato con maggioranza di voti. Il voto  è segreto.

Il commento del sottosegretario Roccella: “L’approvazione del testo significherà anche un primo risultato per il neosegretario Angelino Alfano, un un primo risultato di una storia pregressa, che si pone in continuità con la battaglia del presidente del Consiglio Berlusconi nella vicenda di Eluana Englaro ed è stata sempre sostenuta dalla maggioranza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori