SPENDING REVIEW/ Vietate le chiamate ai cellulari e le interurbane agli impiegati della Funzione pubblica

- La Redazione

Per gli impiegati del ministero della Funzione pubblica, dagli uffici in cui lavorano, sarà possibile, d’ora in avanti, effettuare esclusivamente telefonate urbane

camera_seduta1R400
Camera dei deputati (Infophoto)

La spending review si addentra nei meandri delle spese dei ministeri. La revisione di spesa che, entro giugno, dovrebbe essere finalmente presentata e consentire di  varare un piano razionale di risparmi che, a differenza dei tagli lineari (conferiti automaticamente, in modo tale che il singolo dicastero dovesse arrangiarsi per raggiungere un determinato budget), consentirà un riordino razionale dei vari capitoli, dovrebbe comportare un risparmio che, da qui a fine anno, potrebbe aggirarsi attorno ai cinque miliardi di euro. Concretamente, i provvedimenti che la comporranno dipenderanno dalle indicazioni del commissario Enrico Bondi e saranno finalizzati a scongiurare l’aumento dell’Iva e a reperire risorse per i terremotati dell’Emilia Romagna. L’ammontare complessivo dipenderà da una miriade di singole voci che, una volta tagliate, non dovrebbero più essere contemplate nei bilanci delle amministrazioni pubbliche. Una logica opposta rispetto a quella degli anni precedenti, dove le spese maggiori sostenute di anno in anno venivano automaticamente inglobate a date per scontate anche nell’esercizio di bilancio successivo. Ebbene, lo sforzo, finalizzato a recuperare risorse per mettere sempre più in sicurezza i conti pubblici, consterà anche di misure di entità ridotta se non, addirittura, minuscole. Come quella annunciata dal ministro della Funzione pubblica, Filippo Patroni Griffi, relativa alle telefonate. Per gli impiegati del suo ministero, dagli uffici in cui lavorano sarà possibile, d’ora in avanti, effettuare chiamate urbane. Le interurbane e quelle verso i telefonini saranno, invece, bandite. All’interno del ministero è stata emanata una circolare in cui si comunica l’intendo di ridurre «costi legati alla telefonia da parte del personale del Dipartimento». Compito di vigilare sulle spese effettive legate alla telefonia, sarà di ciascun dirigente. E, solo lui, potrà, eventualmente, autorizzare chiamate verso i telefoni cellulari, in altre città o telefonate internazionali. Patroni Griffi ci ha tenuto a precisare che l’amministrazione pubblica è come se fosse «la nostra casa».

Di conseguenza, «tagliare le spese inutili, quelle superflue, quelle evitabili» è un’iniziativa necessaria. A cominciare proprio da quelle piccole. Patroni Griffi ha, inoltre, sottolineato come la misura, apparentemente del tutto insignificante, corrisponda, in fondo, ad un’operazione dettata dal buon senso.  



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori