ELEZIONI QUIRINALE/ Franchi: al Pd non resta che votare la Cancellieri

- int. Paolo Franchi

Secondo PAOLO FRANCHI, qualunque ipotesi di candidatura avanza dal Pd troverebbe l’opposizione di metà partito. Tanto vale, a questo punto, votare un nome proposto dal centrodestra

cancellieri_r439
Foto InfoPhoto

Prodi resta in Africa. Lo ha deciso lui, ritirando la sua candidatura. Non l’avesse ritirata, a dire il vero, non sarebbe cambiato nulla. Un gesto formale, più che altro. Dopo la clamorosa sconfitta, ricandidarlo avrebbe sfiorato il ridicolo. Gli servivano 504 voti, il centrosinistra, compresi i delegati regionali, le autonomie, i parlamentari del gruppo misto e un senatore a vita, arrivava a quota 499. Gliene mancavano, in teoria, solo 5. In pratica, gliene hanno sottratti 101. E, questa volta, erano senza ombra di dubbio quelli del Pd. Sel, infatti, ha fatto sapere che avrebbe reso le proprie schede riconoscibili, scrivendo “R. Prodi”. Così è stato. Le schede coincidevano. I parlamentari di Pdl, Lega e Fratelli d’Italia, invece, erano fuori dall’Aula, in segno di protesta. Insomma, l’ex presidente della Commissione europea è stato vittima del fuoco amico. Proprio come Marini. Ora, che alternative restano al Pd per non andare definitivamente in frantumi? Lo abbiamo chiesto a Paolo Franchi, giornalista de Il Corriere della Sera.

Cos’è accaduto al partito di Bersani?

Sia a destra che a sinistra, viene rimproverato aspramente al Pd di stare celebrando il proprio congresso nell’occasione meno indicata. Un rimprovero fondato ma, tutto sommato, benevolo. In realtà, infatti, in un congresso di partito le divisioni sarebbero decisamente meno violente di quelle a cui stiamo assistendo in questi giorni. La divisione, in particolare, verte fondamentalmente sull’ipotesi di avere un’interlocuzione o meno con il Pdl. Si tratta, a dire il vero, di due prospettive opposte che riflettono due visioni circa la concezione del partito e il ruolo che deve assumere all’interno della società del tutto inconciliabili.

Com’è possibile tutto ciò?

Guardi, il fenomeno non è identificabile secondo le categorie classiche della politica, ma, piuttosto, sembra avere a che fare con l’insondabile psicologia delle fazioni in campo. Francamente, per esempio, trovo incomprensibile il fatto che Bersani si sia presentato di fronte all’assemblea del partito dicendo: “ho una meravigliosa sorpresa” e, poi, abbia fatto il nome di Marini. Un gesto privo di qualsivoglia strategia politica, più consono alla commedia all’italiana. Come se non bastasse, all’annuncio, tutti si sono alzati in piedi ad applaudire l’ipotesi del segretario, per poi far mancare i voti al candidato indicato. Il giorno dopo è accaduto lo stesso con Prodi. Una candidatura che rifletteva una prospettiva opposta a quella di Marini. Anche in quel caso, tutti in piedi ad applaudire, per poi silurarlo.

A questo punto, cosa resta da fare al Pd?

E’ piuttosto complicato: se il Pd propone un candidato gradito a Berlusconi, metà del partito vota contro. Se propone un candidato che va bene ai grillini, pure. Vede, credo che uno degli errori più bizzarri del Pd sia stato quello di lasciarsi scappare il nome di Rodotà: una figura istituzionale, la cui storia è intrecciata con la sinistra italiana. E’ stato, infatti, senatore tra le fila della sinistra indipendente, e presidente del Pds. Sarebbe potuto diventare lui, per intenderci, presidente della Camera al posto di Napolitano.  

E, invece, è diventato il candidato dell’M5S

Esatto, anzi, a questo punto il Pd se l’è visto imposto dai grillini. E difficilmente potrà votarlo. Ammetterebbe, infatti, il suo ruolo secondario rispetto all’M5S.

Quante chance ha, a questo punto, D’Alema?

Nel bene o nel male, un personaggio pubblico, non può sfuggire alla rappresentazione che viene data di lui. E, dal momento che è stato sempre visto come l’uomo dell’inciucio con Berlusconi, avrebbe ben poche probabilità di essere eletto. Tanto più che Renzi ha posto, sull’ipotesi, l’ennesimo veto. Il partito, si spaccherebbe per l’ennesima volta.

E Amato?

Viene rappresentato in maniera analoga a D’Alema. Oltretutto, susciterebbe l’ostilità di quella parte del Pd che è rimasta anti-craxiana.

Il centrodestra, dal canto suo, si sta orientando verso la candidatura della Cancellieri

L’ipotesi non è da escludere. In questi giorni il Pd ha perso il diritto alla precedenza nell’indicare un nome. Se guardiamo alle qualità della persona, oltre ad essere istituzionalmente degna, ha dato grande prova di sé da commissario straordinario, ricevendo il plauso della destra e della sinistra. Certo, anche in tal caso, probabilmente, nel Pd si produrrebbe una spaccatura. Ma, per lo meno, non riguardebbe un suo esponente e non si estenderebbe, come in tutti gli altri casi, al Paese.

E’ possibile che si torni a convergere su Marini?

Mi pare improbabile.

 

(Paolo Nessi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori