CONSULTAZIONI BIS/ Fratelli d’Italia: no a un governo di larghe intese

- La Redazione

I rappresentanti di Fratelli d’Italia hanno espresso le loro valutazioni al capo dello Stato: no a un governo di larghe intese, sarebbe un fallimento come l’esperienza Monti

gasparrilarussameloniR439
Foto InfoPhoto

Cominciate le consultazioni lampo con cui oggi il capo dello Stato incontrerà tutte le forze politiche. Dal colloquio sono usciti da poco i rappresentanti di Fratelli d’Italia. Giorgia Meloni, Crosetto e Ignazio La Russa hanno detto di aver espresso a Napolitano il loro no a qualunque ipotesi di governissimo di larghe intese, cioè di alleanza  Pd-Pdl. Tale governo, hanno detto, avrebbe la presunzione di mettere insieme persone e storie opposte fra loro. Abbiamo già visto, hanno detto ancora, con l’esperienza Monti come questo non possa funzionare: impossibile immaginare le risposte coraggiose che servono oggi all’Italia con questo tipo di governo. Si tratterebbe, un governo di larghe intese, di una sorta di compromesso al ribasso. I rappresentanti di Fratelli d’Italia hanno comunque ribadito la loro disponibilità a votare provvedimenti del governo qualora ritenessero fossero utili al bene degli italiani, così come si riservano di fare le loro proposte di legge su temi a loro cari quali riduzione della pressione fiscale, tetto alla tassazione, abolizione della restituzione dell’Imu, regolamentazione delle banche, legge a favore della maternità.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori