ITALICUM/ 2. Calderoli: da Alfano e Scelta civica gli stessi errori di Fini e Casini

- int. Roberto Calderoli

ROBERTO CALDEROLI critica l’Italicum. Secondo il senatore del Carroccio la soglia minima per far scattare il premio è troppo bassa, mentre lo sbarramento è troppo penalizzante

calderoli_3_r439
Roberto Calderoli (Infophoto)

L’Italicum non convince. La legge elettorale frutto dell’accordo tra Renzi e Berlusconi deve ottenere il via libera, tutt’altro che scontato, della Commissione Affari costituzionali della Camera. Sul banco degli imputati troviamo la soglia troppo bassa (35%) per ottenere il premio di maggioranza, lo sbarramento (fissato al 5, 8 e 12%) e, ancora loro, le liste bloccate (seppur corte, da 3 a 6 candidati). Il Movimento 5 Stelle ha annunciato una marea di provvedimenti per rimaneggiare il testo che rischia di subire modifiche in grado di stravolgere la sua impalcatura di base. Proprio come è successo nel 2005 al cosiddetto Porcellum, ci dice lo stesso Roberto Calderoli, senatore della Lega Nord e vice presidente del Senato della Repubblica.

In cosa l’Italicum assomiglia al Porcellum e in cosa invece si differenzia?

Non è una somiglianza: è una vera e propria fotocopia rispetto al disegno originario del Porcellum, prima che entrasse in Parlamento. Ci sono giusto due aspetti diversi.

Quali?

In primis, la soglia al raggiungimento della quale scatta il premio di maggioranza. Io l’avevo posta al 40%, adesso è al 35%. Poi ci sono questi sbarramenti che, francamente, mi sembrano insostenibili. Sono davvero troppo alti.

Ma  come garantire governabilità all’Italia di oggi, che vive in un panorama politico tripolare?

In un sistema come il nostro si deve anzitutto modificare il bicameralismo perfetto. È già sbagliato l’approccio che stanno usando: non si può certo partire dalla riforma della legge elettorale. Il primo passo, ripeto, deve essere l’abolizione del bicameralismo perfetto, attribuendo la fiducia solo alla Camera e non anche al Senato.

Governabilità e proporzionalità non possono proprio andare di pari passo? O una o l’altra?

Noi siamo in un tripolarismo caratterizzato da coalizioni antitetiche tra di loro. Per cui la proporzionalità potrebbe dare governabilità nel caso ci fossero delle forze che siano avversarie. Ma qui siamo di fronte a coalizioni nemiche. Ciò rende impensabile che dopo si creino governi di larghe intese. È stato fatto con Monti e ora con Letta ed è un disastro…

Tornando a questo Italicum, cosa c’è da modificare?

Devono essere corretti quegli aspetti in più rispetto al mio testo perché, ripeto, hanno usato il mio testo base. Se lo faranno allora credo che sia utilizzabile.

Soglia più alta e abbassare gli sbarramenti dunque…

Esatto. Poi, il fatto di calcolare il vincitore usando anche i voti di quelli che non hanno superato il premio è pericoloso.

In quanto?

Si rischia che un partito triplichi il proprio effetto. Mi pare eccessivo. Io propongo l’introduzione di una clausola di dissolvenza, dettata dal buon senso, che faccia sì che nel caso in cui le elezioni non diano luogo a una maggioranza di governo omogenea sia alla Camera che al Senato, i voti del premio vengano ridivisi proporzionalmente tra tutti i partiti.

 

Come nel Porcellum ci sono le liste bloccate, corte ma pur sempre bloccate. È un punto fermo di Berlusconi?

Personalmente non ho problemi verso le preferenze, però, rispetto a liste da 3 a 6 candidati, se uno fa il ragionamento che, in linea di massima, uno va al centro-sinistra, uno al centro-destra, uno a Grillo e uno al Nord va a noi, è sostanzialmente il capolista che viene eletto. È, nei fatti, come se fosse un collegio uninominale. Poi ci saranno determinate (e poche) realtà dove per esempio in Emilia e Toscana il Pd prende anche il secondo in lista, mentre in Lombardia e in Veneto sarà il centro-destra a farlo. La gente sa benissimo chi vota…

 

Adesso chi inciderà di più nel processo di modifica della legge? M5S annuncia battaglia con un mare di provvedimenti. Ostruzionismo?

Non so se faranno ostruzionismo fine a se stesso, ma è palese che volessero un sistema proporzionale, una sorta di modello svizzero che però è inapplicabile in Italia per i motivi culturali di cui ho parlato prima. La realtà è che l’Italicum non l’ha voluto certamente solo Berlusconi. Lui e Renzi avrebbero fatto andar bene anche il modello spagnolo, ma c’è stato lo zampino dei centristi…

 

Di chi in particolare?

Del Nuovo Centrodestra di Alfano e di Scelta Civica. Lo stesso che è accaduto nel 2005 quando il mio testo è stato rimaneggiato in larga parte.

 

Una legge bipolare e bipartitica non favorisce solo una situazione di muro contro muro?

C’è il rischio. Io farei prevalere il principio di rappresentanza, ma vista la situazione attuale muoversi alla ricerca dalla stabilità e della governabilità non è certo un errore.

 

Ha ancora senso parlare di proporzionale dopo il referendum del 1991?

C’è poco da dire: il sistema proporzionale, visto il panorama attuale, non può proprio stare in piedi post-votum.

 

Si va a votare immediatamente fatta la legge o si deve aspettare prima l’abolizione del Senato?

Come ho già detto, la prima cosa da fare è la revisione del bicameralismo. Non avrebbe alcun senso andare a votare prima della riforma del Senato. Sarebbe inutile.

 

Bisogna aspettarsi un’intesa futura tra Renzi e Berlusconi circa il presidenzialismo?

Quel che è certo è che entrambi sono attratti da questa opzione, presidenziale o semi-presidenziale che sia. Ma fare una riforma di tale portata non è certo cosa semplice.

 

(Fabio Franchini)




© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori