EXPO 2015/ 2. Non c’è solo l’Italicum

In un Paese che è un cantiere infinito, qualche forzatura è necessaria per raggiungere l’obiettivo. E’ il caso dell’Expo 2015 e anche della leadership del Pd. DIEGO PORA

02.05.2015 - Diego Pora
renzi_expo2R439
Matteo Renzi (Infophoto)

Adesso però basta. D’accordo, non c’è una leadership politica condivisa, se non un iperattivo centravanti di movimento amante della battuta, dello slogan e dell’azione personale. Ovviamente, quelli che c’erano prima, ora che non ci sono più, detestano quelli che ci sono ora e dunque non si curano più del successo (o no) della ditta.

Sicuramente, è mancata una costruzione raffinata e strategica del semestre, manca un quadro stabile di routine istituzionale e di medio-lungo respiro, mentre l’Italia sembra (è) un cantiere infinito. Senz’altro, c’è stato qualche problema di trasparenza, qualche inchiesta, qualche “amico di” piazzato nel “cda del”, qualche truppa cammellata per fare numero di presenze, con più di una inutile prova di forza.

E poi Noi italiani non amiamo imbavagliarci quasi quanto non amiamo gli ex, post, neo-banchieri e gli ex, post, neo-politici. Tanto meno, Noi italiani, amiamo essere imbavagliati. Però, dai, questi sono i giorni decisivi, le cinque giornate pericolose, o va o spacca. E’ inevitabile pensare che per raggiungere il risultato, almeno qualche risultato, anche qualche forzatura sia necessaria. E va bene, c’è una minoranza di riottosi e poi una minoranza bis di feroci oppositori e poi una minoranza tris di antagonisti alla ricerca di nuove coalizioni sociali.

Manca la fiducia? Allora mettiamocela. C’è chi vuole andare in piazza? Paura preventiva, polemiche precostituite, avvocati preallertati. Non è detto che sia la migliore delle soluzioni possibili, ovviamente. Non è detto che quello gli italiani vogliano mangiare, ammesso che quello si possa mangiare.

 E’ naturale, i giornali vanno riempiti e dunque vanno riempiti con varchi che non sono varchi, ritardi nei lavori che poi sono lavori in tempi difficili e per progetti ambiziosi, giovani che non vogliono esserci, direttori che prima o poi ci saranno. Magari, certamente, la cosa è perfettibile. Magari, certamente, c’è chi ci marcia. Magari, certamente, tutto finirà con un candidato sindaco in più. Però, per favore, non buttiamo tutto in Pd. Qui non si sta parlando di un Italicum, qui si tratta dell’Esposizione universale del nostro paese. Adesso basta, godiamoci l’Expo, che “arriva arriva”. #lavoltabuona

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori