SINISTRA A PEZZI/ Caldarola: il Pd è fallito, ecco l’alternativa

- int. Peppino Caldarola

Per PEPPINO CALDAROLA, il Pd si trova in una situazione tra il comico e il paradossale, tanto che tutte le persone ragionevoli capiscono che l’unica cosa da fare in questo caso è separarsi

senatoaulaR439
Infophoto

“Il Pd si trova in una situazione tra il comico e il paradossale, al punto che tutte le persone ragionevoli capiscono che l’unica cosa da fare in questo caso è separarsi. Anche se la conseguenza rischia di essere una vittoria dell’M5S alle prossime elezioni politiche”. A constatarlo è con Peppino Caldarola, ex direttore dell’Unità ed ex parlamentare dei Ds, secondo cui “un voto come quello sul canone Rai documenta che abbiamo una classe dirigente che non rispetta questo Paese, ma anzi che ci gioca. Renzi ha le sue responsabilità, ma il peccato d’origine è stata la nascita stessa del Pd”. Ieri il Senato ha approvato la riforma della Rai con 142 voti favorevoli e 92 contrari. Sull’articolo 4 però i 19 voti contrari della minoranza Pd hanno fatto sì che il governo fosse battuto per tre voti. Il presidente del Consiglio Renzi ha commentato: “Abbiamo i numeri al Senato. La minoranza Pd ha voluto dare un segnale politico ma noi andiamo avanti più decisi di prima”.

L’incidente in Senato riguarda i contenuti della riforma Rai o la posta in gioco è altro?

Per la minoranza Pd, la posta in gioco è il tentativo di far saltare Renzi e dare vita a una nuova formazione di sinistra. Molti non si sono impegnati in prima persona, lasciano fare a Cofferati e Civati, ma stanno a guardare che cosa accade su quel lato. Renzi vive invece con grande fastidio l’esistenza di una minoranza di sinistra.

Perché?

Da un lato perché sente che questa minoranza è irriducibile, cioè non è disposta a trattative. Dall’altra perché il progetto che ha in mente il segretario non coincide in nulla con ciò che piace alla sinistra. E’ lo scontro tra chi ha nostalgia di uno schieramento sul modello dell’Ulivo e chi come Renzi coltiva il sogno del Partito della Nazione per conquistare quel 41% dei voti che gli consenta di governare.

Renzi ha sottolineato: “Andiamo avanti più decisi di prima”. Sarà davvero possibile farlo?

Nel Pd si è creata una situazione difficilmente gestibile. La minoranza non si fida di Renzi e quindi non mollerà la presa, anzi ha preso la decisione che il segretario del suo stesso partito è il suo peggior nemico. Il premier d’altra parte ha bisogno di portare a casa dei risultati e anche per questo sta attraversando un periodo di caduta d’immagine molto forte. Deve quindi andare avanti, cercare altri voti in Parlamento e dimostrare che può fare a meno della sinistra Pd.

Quale soluzione possono trovare tanto Renzi quanto la minoranza interna?

La situazione è paradossale e persino comica. Tutte le persone ragionevoli capirebbero che l’unica cosa da fare in questo caso è separarsi. C’è solo questo strano partito in cui le due parti si trattano come nemici irriducibili, ma decidono stranamente di stare insieme. La conseguenza sarà quella di spingere tanta più gente, soprattutto di sinistra, a rinunciare a esercitare il diritto di voto. Se non ci sarà una scissione nella casta, ci sarà inevitabilmente nella base.

Quale forma assumerà la scissione nel Pd?

Le scissioni si possono fare in tanti modi. Possono avvenire in modo violento oppure consensuale, e possono presumere un patto tra forze che non riescono più a stare insieme.

Quanti voti prenderebbe un partito di sinistra?

I margini per una sinistra radicale in Italia sono molto stretti. Mentre Syriza e Podemos sono guidati da forze fresche, la sinistra Pd è guidata da personaggi che hanno molte stagioni alle spalle. Anche in Italia ci sarebbero degli spazi purché si presentassero dei volti nuovi.

 

Se il Pd si spacca, alle prossime Politiche vincerà Salvini?

Escludo Salvini, il quale ha un programma estremista. Per quanto cerchi di darsi una dimensione nazionale, la sua è una Lega nord riverniciata e fascistizzata. Prenderà un gran numero di voti, ma non ha la forza di Marine Le Pen. Quest’ultima ha traghettato il partito dagli estremismi del padre a una zona politica più tranquilla, mentre Salvini sta facendo l’operazione contraria.

 

L’M5S conquisterà Palazzo Chigi?

Il rischio è che chi si troverà con il pallino in mano sia proprio l’M5S, che si presenta come il partito che non ha mai governato, e che dunque non ha responsabilità nella gestione della cosa pubblica. Con l’M5S al governo però, l’Italia combatterà le scie chimiche ma sarà sempre più sospinta verso una marginalità totale rispetto a Ue e scena globale.

 

Alle Europee 2014 Renzi sembrava avere il vento in poppa. Dove si è incagliato?

In realtà l’origine delle attuali difficoltà risale un po’ più indietro nel tempo. Alla nascita del Pd numerosi esponenti della Margherita come Francesco Rutelli e dei Popolari come Franco Marini erano stati molto freddi, perché pensavano che questo partito sarebbe stato egemonizzato dagli ex comunisti. Oggi i realtà è avvenuto esattamente il contrario.

 

Cioè?

La classe dirigente post-Dc si è dispersa mentre il popolo comunista si affratella nella nostalgia ma si divide drammaticamente sulle scelte del momento. Il Pd è in se stesso un’operazione fallita. Di questo bisogna prendere atto, e ciascuno deve ricominciare andando per la sua strada. Un’altra via però ci sarebbe…

 

Quale?

Invece di inseguire Nichi Vendola e Cofferati, si lavori per dare vita a una formazione politica di moderati di sinistra che si agganci a tutte le miglior culture politiche italiane. Dando soprattutto il segnale alla gente del nostro Paese che si ricomincia ad avere un minimo di cultura delle istituzioni, e che le carriere vengono dopo ai destini della nazione. Prima dei valori della sinistra, bisogna rimettere in campo quelli della patria. In questo momento abbiamo una classe dirigente che non rispetta questo Paese, ma anzi ci gioca, come documentano i voti sul caso Azzollini e sulla riforma Rai.

 

(Pietro Vernizzi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori