DDL CIRINNA’/ Renzi vuole asfaltare i cattodem ma cade nella trappola di M5s

- int. Luciano Ghelfi

E’ corsa contro il tempo nel Pd per salvare il canguro, che permetterebbe di approvare il ddl Cirinnà molto più rapidamente, evitando un Vietnam parlamentare. LUCIANO GHELFI (Tg2)

renzi_conferenzastampaR439
Matteo Renzi (Infophoto)

E’ corsa contro il tempo nel Pd per salvare l’accorpamento degli emendamenti che permetterebbe di approvare il ddl Cirinnà molto più rapidamente, evitando un Vietnam parlamentare. La scelta dei Cinque Stelle di dire no al canguro ha però riaperto i giochi rendendo la partita politica quanto mai incerta. La seduta riprenderà stamattina alle 9,30. Intanto il capogruppo del Pd, Luigi Zanda, annuncia di non volere ritirare l’emendamento canguro: “C’è la vulgata che con l’emendamento Marcucci si elimina la discussione. Ne eliminerà la metà. Voteremo tutti gli articoli, compreso l’articolo 5 a voto segreto. Il provvedimento può essere discusso in tutte le parti”. Abbiamo chiesto un commento a Luciano Ghelfi, giornalista politico del Tg2.

Come si spiega lo scontro inaspettato tra Pd e M5s sul ddl Cirinnà?

Il Movimento 5 Stelle è il vero protagonista della giornata, perché è stato determinante il suo no al canguro. La mia lettura è che è nato un problema di coscienza sull’“uccisione” del dibattito. A un certo punto i 5 Stelle si sono resi conto che appoggiare il canguro avrebbe voluto dire azzerare la discussione in aula. Ciò costituirebbe un precedente gravissimo per il futuro, perché uno strumento del genere non è mai stato utilizzato in modo così complessivo per fare passare una legge intera. Consentirlo oggi vuol dire che potrà essere utilizzato anche un domani in una situazione sfavorevole. L’M5s non ha quindi voluto creare il precedente.

Che cosa cambierebbe invece con lo spacchettamento del canguro?

Con lo spacchettamento si discuterebbe articolo per articolo, e quindi ci sarebbe almeno una possibilità di voti separati sulle varie parti. Il canguro nella sua formulazione integrale assorbe invece l’intero spirito della legge con un “prendere o lasciare” che comprende anche la stepchild adoption. Lo spacchettamento del canguro avrebbe l’effetto di consentire ai cattodem di votare tutto tranne la stepchild adoption, che sarebbe la probabile vittima di questa operazione. Quest’ultima però sbloccherebbe la situazione.

Lei come legge le lacerazioni in seno al Pd?

Nel Pd in questo momento si contrappongono due minoranze: i cattodem e gli ultrà del ddl Cirinnà compresa la stepchild adoption. In mezzo c’è la maggioranza del partito e lo stesso Renzi, che quindi si trova abbastanza in difficoltà. Ora però si va a traino del gruppo che vuole la Cirinnà tutta intera. Soltanto all’ultimo momento si potrà ammainare la bandiera della stepchild adoption, perché poi alla fine lo scontro si concentra essenzialmente su quel passaggio.

Perché invece la Lega alla fine ha rinunciato alla linea dura?

Con grande furbizia, la Lega ha ritirato all’ultimo minuto utile gran parte degli emendamenti per fare ricadere sul Pd la colpa della forzatura. Da settimane si contrappongono Lega e Pd, con la proposta di togliere contemporaneamente il canguro e 4.500 dei 5mila emendamenti. L’uno però non si fidava dell’altro, finché all’ultimo la Lega ha tolto i 4.500 emendamenti. In questo modo ha costretto il Pd ad arroccarsi sul canguro e a passare per il partito anti-democratico. Mai come in questi casi la forma è la sostanza.

In che senso?

Sulle unioni civili è in atto uno scontro fortissimo, che si basa sull’etica ma che dietro ha anche la politica, tanto è vero che il fronte è abbastanza trasversale. Ieri all’improvviso sul super-canguro è venuta meno la maggioranza che è favorevole alla legge in quanto M5s si è sfilato. Io sono convinto che alla fine la legge passerà, ma non sono sicuro del fatto che dentro ci sarà la stepchild adoption.

 

Che cosa cambierebbe con il voto segreto?

Il voto segreto servirebbe a far sentire un po’ meno ai senatori cattodem l’incredibile pressione dell’opinione pubblica, e martedì bastava scorrere i social network per rendersene conto.

 

Chi in questo momento è più in difficoltà?

I cattodem.

 

Perché?

Perché si è ristretto il loro spazio di azione dentro al Pd. Sono stati messi in un angolo, tacciati come retrogradi e qualcuno ha quasi detto che per loro non c’è spazio nel Pd. E’ chiaro che l’agibilità politica si è molto ristretta.

 

Alfano è meno in difficoltà perché scarica il barile sui cattodem?

Sì, in quanto Alfano può votare contro anche alla luce del sole in quanto lo ha detto sin dal primo minuto.

 

Per i centristi della maggioranza non si restringe lo spazio di agibilità politica?

Sì, emerge un grande problema di agibilità dentro alla maggioranza per l’anima di ispirazione cattolica.

 

Negli Usa i partiti sono divisi su tutto tranne che sui temi etici. Perché invece in Italia quelli etici sono temi trasversali?

Perché la struttura dei partiti italiani è diversissima da quella dei partiti americani. Quindi da noi le convergenze non partono dalla condivisione piena dell’ispirazione etica, ma molto più dalla parte sociale con una politica di stampo conservatore o progressista. Ovviamente quando si arriva a discutere di etica, se quest’ultima non è alla base della convergenza di un partito finisce per diventare un tema che spacca.

 

(Pietro Vernizzi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori