Giancarlo Cancelleri/ Risultati elezioni Regionali Sicilia 2017: Grillo, “siamo i vincitori morali”

- Carmine Massimo Balsamo

Giancarlo Cancelleri, chi è il candidato del Movimento Cinque Stelle per le elezioni per la presidenza della Regione Sicilia: chi lo sostiene, il programma elettorale e le ultimissime news

giancarlo_cancelleri_1_lapresse_2017
Eletti M5S alle Elezioni Regionali Sicilia (LaPresse)

CANCELLERI VS MUSUMECI, QUESTIONE DI PRESENTABILITA’

Regna la fiducia tra le fila del Movimento 5 Stelle. Pochi minuti fa sono iniziate le attività di spoglio nella regione siciliana. I dati degli exit poll hanno confermato le previsioni della vigilia: è testa a testa con Musumeci. Nel corso della campagna elettorale non sono stati pochi gli scontri tra i due avversari. “Tutti i miei avversari in questa sfida sono persone perbene ma chi candida impresentabili diventa impresentabile, chi si mette dentro uomini di Cuffaro non merita stima. Musumeci è stato a volte il mio punto di riferimento politico. Mi dispiace che abbia svenduto la propria credibilità perchè chi vota Musumeci vota Cuffaro e tutti gli impresentabili”. La risposta di Musumeci è arrivata qualche giorno dopo nel programma “In 1/2 h” condotto da Lucia Annunziata: “l’unico impresentabile è l’onorevole Cancelleri, e non lo dico io ma una sentenza del Tribunale di Palermo, perché è un abusivo e ha commesso un falso nel preparare le norme per le primarie. La garanzia per le mie liste sono io, con il mio curriculum”.

GRILLO: “M5S VINCITORI MORALI”

«Comunque vada siamo noi i vincitori morali. Siamo il primo partito. Abbiamo dimostrato di potercela fare da soli e voi avete dato tutto, è stato bellissimo»: Beppe Grillo commenta così il risultato ancora per nulla chiarito alle Elezioni Regionali per il “suo” candidato Giancarlo Cancelleri. Il “delfino” di Luigi Di Maio ha portato il M5s ad essere la prima lista, ormai certa nonostante manchino ancora i dati reali, in Sicilia e si appresta a vivere lo spoglio dei voti per il Governatore con ancora intatta la possibilità di arrivare davanti a Musumeci (anche se gli exit poll dicono il contrario). L’entusiasmo di Grillo però, con quell’affermazione, è chiaro che è diminuito con i primi dati sondati da Ipr e Emg dove la “forchetta” di Cancelleri risulta essere più bassa, anche se di poco, rispetto al rivale di centrodestra. Quel “vincitori morali” sembra quasi essere un segno di resa, specie vedendo che alcuni candidato di centrosinistra avrebbero chiesto il voto disgiunto a favore del centrodestra, pur di non far vincere il Movimento 5 Stelle. Alle 8 scatta lo spoglio e le novità, si spera, potrebbero arrivare già nelle prime ore di scrutinio. (agg. di Niccolò Magnani)

CANCELLERI, UN GRILLINO DELLA PRIMA ORA

Giancarlo Cancelleri nonostante gli exit poll ci crede. In effetti il distacco da Musumeci non sembra incolmabile. In aggiunta va ricordato che i sondaggi post-voto storicamente non sono così affidabili. Basti ricordare gli esempi recenti delle elezioni USA o della Brexit, senza dimenticare ciò che successe nelle Politiche Italiane del 2013. Cancelleri è un’attivista della primissima ora del Movimento 5 Stelle. Fin dai tempi del primo V-Day del 2007 per la precisione. Inoltre nel 2008 (senza presentarsi in prima persona) il geometra di Caltanissetta ha sostenuto la candidata alla presidenza della Regione espressa dal movimento, che all’epoca si chiamava ancora “Amici di Beppe Grillo“. Nel 2012 ha invece corso in prima persona arrivando terzo dopo Crocetta e Musumeci. Oggi ci riprova. Sarà lui ad approdare a Palazzo d’Orleans?

DI BATTISTA “ASPETTIAMO I DATI UFFICIALI”

Giancarlo Cancelleri, candidato del Movimento Cinque Stelle, testa a testa con Nello Musumeci, sostenuto da tutto il Centrodestra unito. Grande euforia in casa grillina per gli exit poll diramati in serata, con Cancelleri che si attesta attorno al 34,00-37,00 per cento, con Musumeci in vantaggio di pochi punti percentuali (36,50-39,50 per cento). Intervenuto ai microfoni di Tg La 7, l’europarlamentare Ignazio Corrao ha analizzato i dati disponibili: “Il risultato che ha ottenuto Giancarlo Cancelleri è straordinario. Ci siamo dimostrati competitivi con una sola lista conto una accozzaglia e speriamo di liberare questa Regione dalla pessima amministrazione siciliana”. E parte l’attacco contro il Partito Democratico, che si attesta tra 9,00 e 13,00 per cento: “Il Partito Democratico è fallito: l’allegra ditta formata da Matteo Renzi e Angelino Alfano è stata mandata a casa. Noi correvamo da soli contro un’armata Brancaleone di impresentabili, abbiamo avuto un dato molto importante”. (Agg. Massimo Balsamo)

Gli exit poll riguardanti le elezioni regionali Sicilia 2017 danno un Giancarlo Cancelleri secondo alle spalle di Nello Musumeci. Il candidato del Movimento 5 Stelle, secondo le rilevazioni dei diversi istituti di sondaggi, è rimasto poco al di sotto della percentuale raggiunta dall’esponente dell’area di centrodestra sull’isola. C’è però chi vuole attendere ancora qualche ora, e precisamente il tempo dello spoglio, prima di dichiararsi sconfitto. Il riferimento è ad Alessandro Di Battista, che su Facebook dinanzi ai primi dati ha sentenziato:”Aspettiamo i dati ufficiali di domani (oggi, ndr). Speriamo di mettere la ciliegina sulla torta. Ci siamo impegnati tanto e i frutti si vedono già. I miei complimenti a Giancarlo Cancelleri per le battaglie di questi ultimi cinque anni e a Luigi Di Maio che ha dimostrato con l’impegno costante il suo valore”. Dichiarazione attendista, aspettando i voti reali…(agg. di Dario D’Angelo)

 

CANCELLERI, “SIAMO PRIMA FORZA”

Prova a guardare il bicchiere mezzo pieno Giancarlo Cancelleri, candidato del Movimento 5 Stelle alle elezioni per le Regionali di Sicilia 2017 nonostante gli exit poll abbiano proclamato unanimemente la vittoria di Nello Musumeci. Il leader siciliano dell’area grillina ha usato Facebook per comunicare alla propria base quella che è la sua valutazione in attesa dei voti reali:”SIAMO LA PRIMA FORZA POLITICA IN SICILIA E IN ITALIA! Il MoVimento 5 Stelle ha corso da solo contro l’accozzaglia di liste piene di impresentabili! Comunque andrà, domani sarà un risultato storico e un momento pazzesco per la Sicilia!”. Un’analisi, quella relativa al risultato del Movimento sull’isola difficilmente contestabile, a conferma che le istanze di una parte di cittadini sono state raccolte e ben interpretate dai grillini. Resta però un dato di fatto: il Movimento non sfonda, semplicemente non vince. 

ULTIMO GIRO DI GIOSTRA?

Giancarlo Cancelleri potrebbe essere il grande sconfitto di queste Regionali Sicilia 2017. Gli exit poll forniti al Tg2 da parte dell’istituto Noto Sondaggi dipingono un quadro ancora nebuloso: numeri e percentuali da prendere ancora con le molle dal momento che la storia ha dato prova di grandi ribaltamenti di fronte tra le dichiarazioni di voto all’uscita dal seggio e i voti reali. In ogni caso negli ambienti grillini non si respira un grande ottimismo: la sensazione comune, corroborata dalle stime elaborate dai diversi istituti di sondaggi, è che ad averla spuntata sia stato Nello Musumeci, oramai governatore della Sicilia in pectore. Per Cancelleri, al di là di un consenso comunque considerevole, si tratterebbe della seconda sconfitta consecutiva alle elezioni siciliane dopo quella del 2012: per lui, con ogni probabilità, l’ultimo giro di giostra. (agg. di Dario D’Angelo)

EXIT POLL, CANCELLERI SECONDO

Gli exit poll sulle elezioni regionali in Sicilia 2017 vedono piuttosto vicini Giancarlo Cancelleri e Nell Musumeci. Il candidato del Movimento 5 Stelle, secondo le rilevazioni dell’Istituto Piepoli e Noto Sondaggi per la Rai avrebbe infatti una percentuale di voti compresa tra il 33% e il 37% contro il 35-39% del candidato di centrodestra. Emg Acqua per La7 vede invece Cancelleri in una forbice tra il 34% e il 38%, con Musumeci tra il 36% e il 40%. La differenza tra i due è quindi stimata in circa due punti percentuali, dunque un divario non incolmabile al momento dello spoglio dei voti effettivi, che avverrà a partire da domani mattina. Comunque andrà, il Movimento 5 Stelle sembra potrà godersi un importante risultato, considerato che Cancelleri, stando sempre agli exit poll, prenderebbe quasi il doppio dei voti di Fabrizio Micari, candidato del Partito democratico. Ma certo sarebbe più importante riuscire a vincere queste elezioni, anche per affrontare al meglio quelle politiche di primavera.

LE PAROLE DELLA COMPAGNA

Giancarlo Cancelleri aspetta i risultati delle elezioni regionali in Sicilia 2017, con la speranza di aver ottenuto un successo che, secondo le previsioni della vigilia, potrebbe in effetti ottenere. Oggi si è recato al voto accompagnato da Elena Catanzaro, la sua compagna, che su Facebook ha scritto un messaggio che viene riportato da Nextquotidiano.it. La donna non nasconde che non è stato semplice stare a fianco del suo uomo in questo periodo, ma ha saputo farlo con il sorriso: “Ho dovuto imparare a gestire e ignorare critiche strumentali, offese gratuite, attacchi ingiustificati sia da gente sconosciuta che da persone che conosco da una vita e che ho sempre rispettato, e l’ho fatto con il sorriso, certa di essere dalla parte giusta e con la coscienza pulita, sicura di aver lottato per una giusta causa e senza nessun tipo di tornaconto personale”. La donna aggiunge poi: Ho scoperto che l’amore ti da la forza per affrontare qualsiasi difficoltà e che senza quest’uomo straordinario (e chi lo conosce lo sa) che ho avuto la fortuna di incontrare, la mia vita sarebbe meno movimentata ma non così bella, felice e appagante come lo è adesso. Ma soprattutto so, che ho dato tutta me stessa per l’amore viscerale che nutro per la mia terra”.

I TWEET DI ZUCCONI

Giancarlo Cancelleri, come tutto il Movimento 5 Stelle, spera di imporsi alle elezioni regionali in Sicilia. Una sfida non certo facile, ma già non mancano battute piuttosto pungenti su quello che potrebbe succedere in caso di una sua vittoria. Vittorio Zucconi su Twitter ha infatti scritto: “Quando Cancelleri diventerà Presidente, i badanti Dibba e DiMail lo lasceranno uscire solo di casa? Parevano i due Carabinieri con Pinocchio”. Il giornalista ha accompagnato questo tweet con l’immagine di una delle raffigurazioni dell’episodio della storia di Pinocchio in cui il burattino viene scortato per l’appunto da due Carabinieri. Zucconi ha poi dedicato un altro tweet a Cancelleri: rispondendo a un altro utente che ricordava l’esistenza del voto disgiunto ha scritto che “c’è anche il voto congiunto, visto che la sorella di Cancelleri è deputata per il M5S”. Chissà come scriverà mai Zucconi se il candidato del Movimento 5 Stelle dovesse vincere le elezioni.

LE PAROLE AL SEGGIO

Giancarlo Cancelleri per queste elezioni regionali in Sicilia si è recato a votare nel seggio che si trova vicino alla sua abitazione, che è poi la scuola dove si è diplomato geometra. Prima di entrare e di recarsi a esprimere il suo voto, il candidato del Movimento 5 Stelle si è intrattenuto con alcuni cittadini desiderosi di farsi un selfie insieme a lui. Un video dell’agenzia Vista lo mostra avvicinarsi all’ingresso della scuola e poi notare probabilmente un cittadino con una bicicletta servoassistita. Domanda infatti: “Bici elettrica?”. E alla risposta affermativa Cancelleri aggiunge: “Ora le facciamo diventare le auto blu della Regione”, con un sorriso. Battuta o no, il candidato del Movimento 5 Stelle durante questi mesi di campagna elettorale ha promesso di porre fine a diversi privilegi di palazzo dei Normanni, tra cui i vitalizi di cui godono i deputati dell’Assemblea regionale. Clicca qui per il video di Cancelleri fuori dal seggio.

LA “VENDETTA” DI M5S

A Caltanissetta ha da poco votato Giancarlo Cancelleri che, a differenza di Musumeci, si è fermato a commentare il voto davanti ai giornalisti accorsi sul seggio elettorale per poterlo intercettare. Come spiega il Giornale di Sicilia, il candidato grillino si è recato al seggio presso l’istituto tecnico commerciale di Filippo Turati nella sua Caltanissetta: accompagnato dalla compagna Elena, ha votato proprio nella scuola elementare da lui frequentata anni fa. Le poche parole scambiate con i cronisti sottolineano la sua tranquillità e il suo forte desiderio di rivincita dopo le elezioni Regionali perse nel 2012: «Che farò oggi? Passerò il pomeriggio in famiglia, parlerò con mio padre. E vedrò un film, “V per vendetta”», con evidente riferimento al film-cult ispiratore del M5s di Grillo e Casaleggio, oltre che alla possibilità di condurre la vittoria a differenza di 5 anni fa. (agg. di Niccolò Magnani)

L’APPELLO AL VOTO “CONTESTATO”

Beppe Grillo, Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista con il loro candidato Cancelleri si giocano tanto anche per le prossime settimane di campagna elettorale nazionale: i risultati alle Regionali in Sicilia diranno se da un lato la tenuta dei grillini a livello regionale è aumentata dopo gli ultimi anni di governo Crocetta e dall’altro se la leadership di Di Maio tiene e viene ripagata da uno scroscio di voti per il “suo” candidato e vincitore alle Regionarie M5s. Questa mattina, dopo le polemiche sortite ieri dal video di Beppe Grillo con il suo personale “invito al voto” che avrebbero violato il silenzio elettorale, arriva un’altra possibile polemica futura: Cancelleri su Twitter ha rilanciato l’ultimo post di Grillo in cui viene redatto un personalissimo “come si vota”. Non le consuete e imparziali modalità di voto ma un dettagliato modus operandi per votare il candidato Governatore Cancellieri e le liste provinciali del Movimento 5 Stelle. Un altro passo verso la possibile violazione del silenzio elettorale in pieno svolgimento del voto in tutte le urne siciliane. (agg. di Niccolò Magnani)

IL PROGRAMMA

Giancarlo Cancelleri è il candidato del Movimento Cinque Stelle per la presidenza della Regione Sicilia. Tra gli esponenti principali del partito fondato da Beppe Grillo e Casaleggio, Cancelleri è stato tra i candidati più attivi e polemici in campagna elettorale, tra impresentabili e duelli a distanza con gli avversari, e su Facebook ha sottolineato: “Sapevamo che sarebbe stata una campagna elettorale difficile e sapevamo pure che per batterci avrebbero messo in campo tutta la loro violenza”. Attacchi diretti ai rivali ma non solo: “Contro di noi hanno schierato un esercito di impresentabili e tutto il controllo dei media nazionali”. Durante gli incontri pubblici ha presentato il suo programma elettorale, una “ricetta per curare il comatoso paziente Sicilia”. E la frase più significativa per promuovere la sua candidatura è: “Cosa hanno fatto i politici negli ultimi decenni per la Sicilia? Nulla! Di cosa ha bisogno la Nostra Terra? Tutto! Ebbene, noi faremo Tutto”, un messaggio forte e chiaro ai cittadini siciliani.

I SONDAGGI ELEZIONI REGIONALI SICILIA 2017

Il Movimento Cinque Stelle, che fatica molto solitamente nelle elezioni locali, in Sicilia è sempre andato piuttosto bene. E non è un caso che i grillini puntino molto sulle elezioni per la Presidenza della Regione Sicilia, un possibile trampolino di lancio in vista delle elezioni politiche in programma la prossima Primavera, che potrebbero fornire la consacrazione tanto attesa. E i sondaggi degli ultimi giorni sono in linea con le speranze del Movimento Cinque Stelle: Giancarlo Cancelleri, infatti, è testa a testa con Nello Musumeci, candidato del Centrodestra. Cancelleri è dato al 35 per cento dei consensi, staccato di un punto percentuale da Musumeci. In campagna elettorale, per sostenere la sua candidatura, si sono visti assiduamente gli esponenti di spicco del Movimento Cinque Stelle: dal leader Beppe Grillo al candidato premier Luigi Di Maio, fino ad Alessandro Di Battista. Un’elezione che potrebbe significare tantissimo dunque, sia per il Movimento 5 Stelle che per la Regione Sicilia…

CHI E’ GIANCARLO CANCELLERI

Giancarlo Cancelleri è nato a Caltanissetta il 31 maggio 1975 e, come sottolinea sul suo profilo nel sito del Movimento Cinque Stelle, si dice “convinto nel valore dell’uomo, essere buono e capace di azioni straordinarie”. Dal gennaio del 2000 ha lavorato presso una ditta specializzata nel settore metalmeccanico, fino al 2007, dove ha ricoperto il ruolo di magazziniere; nel febbraio del 2007 è stato inoltre promosso a geometra presso lo studio tecnico della stessa azienda. 2007 anno di svolta per Giancarlo Cancelleri, che nell’estate di quell’anno ha iniziato la sua avventura di attivista, decidendo così di formare un comitato contro il caro bollette. L’8 settembre 2007, sull’onda dell’entusiasmo delle idee di Beppe Grillo, ha fatto con amici il 1° V-Day per “proporre una legge di iniziativa popolare per un Parlamento pulito”. Da quel momento sono nati i Grilli Nisseni, divenuti nel tempo Movimento 5 Stelle Caltanissetta. Dopo aver partecipato attivamente alle Regionali del 2008 in Sicilia, nel 2009 ha partecipato alle elezioni comunali di Caltanissetta. Una scalata esponenziale negli anni che l’ha portato a diventare il candidato alla presidenza della Regione.

CHI SOSTIENE GIANCARLO CANCELLERI: M5S IN TESTA

Il Movimento Cinque Stelle, come da tradizione, corre da solo senza liste civiche e Giancarlo Cancelleri, come sottolineato in precedenza, ha potuto contare sull’appoggio dei big del movimento. Luigi Di Maio ha risposto per tono a Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia che sostiene Nello Musumeci: “I siciliani ci sorprenderanno il 5 novembre non solo andando a votare in massa, ma soprattutto non andando a votare voi e Nello Musumeci che lei si è degnato di nominare dopo tanti mesi, in cui non era nei suoi pensieri, nei suoi post e nei suoi video”. Ancora poi Luigi Di Maio tramite il blog di Beppe Grillo: “Questa è una occasione irripetibile per la Sicilia. Mettiamocela tutta. Fino allo sfinimento. Il 6 novembre non dovremo avere alcun rimorso”. A sostenere Giancarlo Cancelleri, inoltre, anche Alessandro Di Battista, che ha commentato: “La verità è che ce la possiamo fare in Sicilia e chi prende il vitalizio sta già tremando. Vi chiedo una mano. Serve uno sforzo di tutti. Parlate con le persone. Fategli capire che possiamo mandare a casa l’intera classe politica che ha lucrato sulla pelle dei siciliani”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori