GIANNI FOCHI VS MARIA ELENA BOSCHI/ “Dante la manderebbe all’Inferno!”: l’attacco su unioni gay e aborto (oggi, 11 febbraio 2017)

- La Redazione

Gianni Fochi vs Maria Elena Boschi: il docente della Normale di Pisa ha attaccato il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio su unioni gay e aborto mandandola idealmente all’Inferno.

meboschi_zoom2R439
Maria Elena Boschi (Foto: Lapresse)

Si sono accesi i riflettori su Gianni Fochi, il docente della Normale di Pisa che durante un incontro nell’ateneo sui diritti con Maria Elena Boschi ha paragonato il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio a Semiramide, la leggendaria sovrana assiro-babilonese che per rendere lecito il suo rapporto incestuoso con il figlio pretese che i suoi sudditi non fossero meno lussuriosi. Il professore, intervistato da Il Foglio, ha spiegato che subito dopo aver terminato il suo intervento, l’attenzione della stampa si è fatta importante:”Confesso che avrei fatto volentieri a meno di espormi in questo modo. Non mi aspettavo certo questa reazione anche se alla fine dell’incontro, quando il giornalista di Repubblica mi si è avvicinato, ho cominciato a intuire qualcosa. Mi ha chiesto perché ero lì e se facevo parte di qualche associazione. Perché se dici certe cose devi subito essere incasellato in qualche gruppo omofobo”. Fochi, infatti, ha attaccato la Boschi per la sua posizione favorevole alle unioni gay:”Nel mio lavoro non ho mai nascosto la mia fede ma l’intervento che ho fatto durante quell’incontro non ha toccato alcun tema religioso. Boschi non ha risposto al nocciolo della mia obiezione. Il governo si è prodigato per far approvare la legge Cirinnà, ma nulla ha fatto per i diritti dei nascituri. E la difesa dell’embrione è una posizione scientifica. Si tratta di un individuo umano, con un Dna in parte diverso da quello della madre, e negarlo è una menzogna antiscientifica. Lunedì sono intervenuto anche per confortare le non poche persone che non la pensano come coloro che di solito si fanno sentire. Per far capire che non tutti seguono la corrente. Per contestare questa idea che si sta diffondendo che ogni desiderio corrisponde a un diritto”.

Ha destato scalpore lo scambio di battute avvenuto qualche giorno fa alla Normale di Pisa tra Gianni Fochi e Maria Elena Boschi nel corso di un incontro sul tema dei diritti. A prendere la parola è stato infatti il docente di Chimica in pensione, che non le ha letteralmente mandate a dire al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Come riportato da Il Foglio, Fochi ha dichiarato:”A me sembra che lei abbia equiparato il concetto di diritto a quello di desiderio anche per i desideri più distorti come le unioni omosessuali. Penso che Dante la metterebbe insieme con Semiramide che ‘libito fe’ licito in sua legge’. Io la invito piuttosto a battersi per i diritti degli esseri umani nascituri che non hanno diritto alla vita. Da quando è stata introdotta la legge 194 oltre 6 milioni sono stati ammazzati”. Dopo essere stata di fatto mandata all’Inferno, la Boschi, come riportato da Il Fatto Quotidiano, non si è scomposta più di tanto, rivendicando la propria posizione a favore della legge sulle unioni omosessuali:”Lei mi può mettere pure nei vari gironi infernali, sarò sicuramente in buona compagnia”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori