CLEMENTE MASTELLA / Piange in Tribunale: “trattato come un boss, accuse mai provate” (oggi, 24 febbraio 2017)

- La Redazione

Clemente Mastella piange in Tribunale: “trattato come un boss, sono innocente e le prove non sono mai state trovate”. Ultime notizie, il 15 marzo la sentenza su presunta concussione

Clemente_Mastella_tribunale_benevento
Clemente Mastella (LaPresse)

Clemente Mastella il prossimo 15 marzo vedrà la fine dei processi a suo carico: insieme alla moglie Sandra Lombardo, per cui il pm ha chiesto l’archiviazione, il politico ex leader dell’Udeur “responsabile” in pratica della fine del processo Poi con lo scandalo delle nomine che lo riguardano. A Napoli in questi giorni si tengono le ultime udienze prima della sentenza del prossimo 15 marzo, che vedono Mastella imputato di aver imposto in modo illecito alcune nomine della sanità e concusso l’allora governatore della Campania Antonio Bassolino per ottenere la promozione di un suo uomo a commissario dell’Area di sviluppo industriale di Benevento, di cui Mastella è ora il sindaco. «Alla fine ho pianto pensando ai giorni drammatici di quando mi dimisi da ministro della Giustizia e mia moglie venne arrestata. Ero diventato il Provenzano della politica campana», racconta aIl Tempo.

Si è commosso Mastella in Tribunale piangendo dopo le dichiarazioni spontanee rilasciate davanti ai giudici che dovranno decidere se condannarlo a 2 anni e 8 mesi oppure se assolverlo dopo 7 anni di lunghi processi e carriera politica nazionale praticamente rovinata. Il dolore più grande non è l’inchiesta di per sé, che ho affrontato grazie all’unità della famiglia, ma gli effetti che ha avuto sui miei cari». A 70 anni compiuti, la riabilitazione politica gliel’ha già data la città di Benevento, che l’ha eletto sindaco a maggioranza schiacciante «perché il popolo sa chi ruba e chi no». Ma anche se dovesse incassare l’ultima assoluzione giudiziaria, nulla, dice, gli restituirà quella umana. «Ho visto mia moglie, (allora presidente del Consiglio regionale della Campania ndr) venire arrestata». Oggi Sandra Lonardo Mastella è stata assolta da tutte le accuse, «sta bene ma è ancora molto preoccupata per me», spiega anche al Giornale dopo l’audizione di ieri. Mastella prosegue nel dirsi innocente, «non hanno mai provato nulle. Addirittura Bassolino, vittima della concussione secondo l’accusa, non ha mai ammesso le mie presunte pressioni».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori