GRILLINI DALLA PSICOLOGA/ M5s Torino, i consiglieri comunali vanno in ritiro: “rafforziamo la squadra”

- La Redazione

Grillini dalla psicologa, Torino: Consiglieri M5s in ritiro senza la sindaco Chiara Appendino. Ultime notizie, la strana scelta dei Cinque Stelle a Torino, oggi 13 marzo 2017

appendino_m5s1R439
Chiara Appendino (LaPresse)

Non è la prima volta che accade, ma fa sempre “effetto”: i grillini del Comune di Torino mentre la città era politicamente segnata negli ultimi tre giorni dai trolley e le beghe interne al Pd renziano radunato al Lingotto, hanno pensato bene di cambiare aria e di dedicarsi… alla meditazione. Ok, non stiamo parlando di improbabili “grillini’s karma” o di qualche parodia della hit di Francesco Gabbani, ma di reali sedute con una psicologa ad Angrogna in val Pellice, come già avvenuto pochi mesi dopo l’elezione del sindaco M5s Chiara Appendino. In quel caso c’erano tutti, questa volta la sindaca più apprezzata d’Italia non ha partecipato ma la vicenda ha fatto comunque clamore. C’erano quasi tutti i consiglieri comunali. Non gli assessori né la sindaca Appendino, ed è stata una scelta precisa. Due giorni di team building, pratica sempre più diffusa sui luoghi di lavoro: «si tratta di creare il gruppo, imparare a fare lavoro di squadra, a gesti- re i conflitti, lo stress, senza perdere la calma, anzi, guadagnando efficienza e coesione. Del resto negli ultimi tempi il clima in Sala Rossa si è surriscaldato, gli attacchi dell’opposizione si fanno sempre più feroci», riporta il focus de La Stampa di oggi che ha rivelato la seduta di psicologia dei grillini torinesi.

Il capogruppo in Sala Rossa a Cinque Stelle, Alberto Unia, ha commentato così l’allegra scampagnata in Val Pellice:«Le dinamiche di un gruppo così ampio sono particolari e c’è da dire che questi primi mesi sono stati duri, faticosi. Abbia- mo dovuto affrontare e gestire situazioni molto difficili, sentivamo il bisogno di allontanarci un po’ dalla città, stare insieme e ricaricare le pile». A breve comincerà la discussione sul bilancio 2017, che sarà durissima; le minoranze in Comune affilano già le armi, e la situazione è complessa anche all’esterno della Sala Rossa. «Vedi i malumori sempre più febbrili di movimenti, comitati e gruppi che hanno appoggiato e sostenuto la candidatura di Appendino e ora si sentono delusi o reclamano un cambio di rotta», riportano i colleghi de La Stampa. Il lavoro di team building e le sedute con la psicologa basteranno per far fronte ai primi veri problemi al Comune a guida grillina? I prossimi mesi lo dimostreranno, intanto non può non venire alla mente un’altro importante precedente: avevano fatto la stessa cosa anche i colleghi di Roma non molti mesi fa. Ma diciamo che alla Giunta Raggi forse avrebbe fatto più comodo una seduta spiritica, o direttamente una psichiatra dato il grado “schizofrenico” di problemi generati in pochi mesi di guida della Capitale… 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori