GRILLO COME BERLUSCONI/ “Con la politica ci ho rimesso”: il leader M5s più “povero” dei suoi parlamentari

- La Redazione

Grillo come Berlusconi: “Con la politica ci ho rimesso”. Il leader del M5s più “povero” dei suoi parlamentari: le ultime notizie sulle dichiarazioni dei redditi di oggi, 3 marzo 2017

beppegrillo_zoom1R439
Beppe Grillo (Foto: LaPresse)

Beppe Grillo guadagna meno dei suoi parlamentari: il reddito del leader del Movimento 5 Stelle è inferiore rispetto a quello, ad esempio, di Luigi Di Mario e Alessandro Di Battista. Si tratta di un vero e proprio crollo per Grillo, il cui reddito del 2015 si attesta a 71.957 euro, mentre l’anno precedente dichiarava 355.247 euro. Sfiorano i 100mila euro, invece, i redditi dei due parlamentari M5s sopracitati. «Il mio reddito deriva dal mio lavoro da privato cittadino. Sono l’unico che con la politica ci ha rimesso e ne sono orgoglioso» il commento del comico genovese tramite il suo account Twitter (clicca qui per visualizzare il tweet). Le curiosità non finiscono qui, perché dalla consultazione dei redditi dei parlamentari emergono dati “fotocopia”: il vicepresidente della Camera Di Maio, Alessandro Di Battista e il presidente della Vigilanza Rai Roberto Fino hanno dichiarato esattamente 98.471,04 euro. Superiore il reddito della senatrice Paola Taverna: 102.908 euro. Da segnalare, però, nel suo caso una variazione rispetto alla dichiarazione dell’anno precedente: la cessione al coniuge del 50% di un immobile.

Beppe Grillo è l’unico ad averci rimesso con la politica? Così pensava pure Silvio Berlusconi, che nel 2006 dichiarava: «Non ho mai fatto affari con la politica, anzi ci ho perso e basta». Il tweet pubblicato dal leader del Movimento 5 Stelle ha ricordato le parole dell’ex premier, pronunciate nel gennaio di undici anni fa. Una curiosa coincidenza, dunque. Nell’ultima dichiarazione dei redditi del comico genovese, quella relativa al periodo d’imposta 2015, è stato dichiarato un imponibile molto più basso rispetto all’anno precedente, ma quell’anno Grillo aveva venduto una casa a Lugano che figurava, insieme ad altri bene, tra quelli degli anni precedenti. Per questo  l’imponibile risultava più alto in precedenza. Sul calo del reddito, però, potrebbe aver inciso la cancellazione del Rabdomante Tour del 2015, una decisione che molti giornali hanno attribuito al flop delle vendite dei biglietti e che, invece il diretto interessato aveva legato alla sua volontà di stare vicino al Movimento 5 Stelle in occasione delle regionali di quell’anno. Una parte di quelle perdite, però, potrebbe essere compensata dalla nuove entrate, visto che, ad esempio, Grillo ha venduto a Netflix i diritti del suo spettacolo “Grillo vs Grillo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori