REDDITI POLITICI 2017/ Valeria Fedeli, la ministra (senza laurea) è la più ricca del Governo Gentiloni

- La Redazione

Redditi politici, Valeria Fedeli è la ministra più ricca del Governo Gentiloni: senza laurea conquista la vetta! Bene Franceschini, Renzi e Grillo più “poveri”. La classifica lunedì online

vfedeli_parlamentoR439
Valeria Fedeli, ministro dell'Istruzione (LaPresse)

Nella “simpatica” classifica de redditi che da lunedì sarà pubblica online sul sito del parlamento italiano, alcune novità sono certamente particolari se non caratteristiche. Avreste mai immaginato che il ministro più ricco dell’intero Governo Renzi è la signora Valeria Fedeli, titolare del Miur ed ex vice presidente del Senato in quota Pd? Ecco, la sostituta del ministro Giannini (praticamente l’unica bocciatura tra il governo Renzi e Gentiloni) si è imposta subito nella “speciale” classifica. Sentitela qui, ad inizio dicembre, in una intervista dopo lo scandalo della laurea: «Posso fare la ministra – ministra, ci tengo – anche senza laurea dopo una vita così intensa nel sindacato, sono stata apprezzata, promossa, chiamata a Roma, poi a Bruxelles a guidare il sindacato europeo dei tessili. La laurea è una cosa a cui non ho mai pensato. Ho 40 anni di vita rigorosa nel sindacato, non ho mai usato quel diploma, sono stato sempre una distaccata di settimo livello, maestra d’infanzia distaccata». Ecco, fa certamente effetto, anche in ottica di “esempio professionale nel campo scolastico” che una ministra della scuola, senza laurea, sia la più ricca di tutti. Nella dichiarazione per l’anno 2016 ha un reddito imponibile di 180.921 euro: una sorta di messaggio indiretto a tutti i giovani, si può fare carriera (e parecchia) anche senza particolari studi. Che ne dite?

Se Valeria Fedeli è il primo ministro per reddito del Governo Gentiloni, l’ultimo è il “povero” Maurizio Martina: con le Politiche Agricole probabilmente grande strada pecuniaria non la si fa e il bravo ministro si attesta con 46.750 euro di redditi personale. Da lunedì i tanti curiosi (e morbosi) degli affari dei nostri politici potranno sbizzarrirsi con la classifica dei rediti pubblicata online sul sito del Parlamento. Si potrà scoprire che L’ex presidente del Consiglio ed ex segretario del Pd, Matteo Renzi, nel 2016 risulta un po’ meno ricco rispetto all’anno precedente, dichiarando circa 5mila euro in meno. Per l’esattezza, Renzi nel 2016 ha dichiarato un reddito imponibile di 103.283, mentre nel 2015 aveva dichiarato 107.960. Dietro alla Fedeli troviamo il ministro della Cultura, Dario Franceschini, che saluta un 2016 con un reddito di 148.692 euro e al terzo posto la ministra dei Rapporti con il parlamento, Anna Finocchiaro, con un reddito imponibile di 144.853 euro. Udite, udite, stando al reddito, è Beppe Grillo il politico che ha ridotto di più gli introiti tra il 2015 e il 2016; È di 71.957mila euro il reddito imponibile 2016 del fondatore del Movimento 5 Stelle che si “impoverisce” di molto, dunque, rispetto all’anno 2015 quando aveva dichiarato 355.247 euro. Nel 2015 però il leader pentastellato aveva dichiarato un reddito di oltre 355mila euro, quando, tra l’altro, ha venduto un immobile a Lugano. Insomma, da lunedì ne vedremo delle belle, anzi delle “ricche”… (Niccolò Magnani)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori